Venerdì 17 Novembre 2017 - 19:15

Caritas: giovani più poveri dei genitori, 1 su 10 in difficoltà

Gli under 34 a vivono la situazione più critica

Manifestazione dei Precari Bros

Figli più poveri dei genitori e dei nonni. Lo dice Caritas italiana, che traccia il ritratto di un'Italia in cui la povertà cresce al diminuire dell'età. Se negli anni pre-crisi la categoria più svantaggiata era quella degli anziani, oggi sono i giovani under 34 a vivere la situazione più critica, molto più allarmante di quella vissuta un decennio fa dagli ultra-sessantacinquenni. Il rapporto 'Futuro anteriore' su povertà giovanili ed esclusione sociale è stato presentato venerdì a Roma.

Un giovane su dieci, sostiene Caritas, vive in uno stato di povertà assoluta, mentre nel 2007 si trattava di un giovane su 50. In soli 10 anni l'incidenza della povertà tra i giovani (18-34) passa dall'1,9% al 10,4%; diminuisce al contrario tra gli over 65 (dal 4,8% al 3,9%). Ancora più allarmante è la situazione dei minori; in Italia se ne contano 1 milione 292mila che versano in uno stato di povertà assoluta (il 12,5% del totale).

All'interno delle famiglie dove sono presenti tre o più figli minori la situazione èì particolarmente critica: l'incidenza della povertà tra i nuclei di soli stranieri (25,7%) e misti (27,4%) è molto più alta rispetto a quella di soli italiani (4,4%). "Il futuro di molti giovani in Italia non è serenamente proiettato verso l'avvenire - commenta Nunzio Galantino, segretario generale dei vescovi - i ragazzi guardano il futuro con la testa indietro, con lo sguardo rivolto al passato, che consegnava loro quantomeno una prospettiva. Invece i dati ci dicono che i figli stanno peggio dei genitori e i nipoti peggio dei nonni".

Se a soffrire di più sono i ventenni, "diventa un'epoca in salita, di grande difficoltà. Le case sono impossibili da trovare, la pensione forse non verrà mai percepita". Nel 2016 la Caritas italiana ha realizzato, attraverso i suoi Centri di ascolto, oltre 1,8 milioni di interventi di aiuto materiale (pasti alle mense, distribuzione pacchi viveri-vestiario, docce, prodotti di igiene personale).

Nello stesso anno, sono stati oltre 450mila gli interventi di ascolto, consulenza e orientamento, mentre gli interventi di alloggio (accoglienza a lungo termine, pronta e prima accoglienza) sono stati superiori a 270mila. Sono stati poi oltre 19mila i coinvolgimenti di realtà terze sul territorio (servizi sociali, consultori, enti del terzo settore). "Da credenti - afferma il segretario della Cei - non smetteremo mai di aggirarci per le strade in cui i poveri ci sono. Non mi convincono invece i professionisti dell'indignazione, uno sport molto vicino a quello dello scaricabarile. L'indignazione è fine a se stessa, in questo siamo un popolo da podio". 

Scritto da 
  • Maria Elena Ribezzo
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Operazione 'Gramigna' dei Carabinieri.Scacco al clan Casamonica

'Ndrangheta, agguato nel Reggino: ucciso un uomo, ferito grave bambino

I killer hanno aperto il fuoco in un terreno di proprietà del 39enne, pregiudicato e ritenuto appartenente all'omonima cosca. Grave il bimbo di 10 anni che era con lui

Prima prova di maturità al liceo Manzoni in via orazio

Maturità, Miur: cresce percentuale promossi, oltre 6mila i 100 e lode

Le rivelazioni del ministero sui primi risultati relativi agli Esami di Stato della scuola secondaria di II grado. In Puglia gli studenti migliori

Vibo Valentia, 'giardini segreti' di marijuana: scoperte 26mila piante del clan

Colpo all'associazione criminale capeggiata da Emanuele Mancuso

TOPSHOT-LIBYA-EU-MIGRANTS-RESCUE

Migranti, Open Arms accusa Libia e Italia. Viminale: "Bugie, li denunciamo"

La nave sbarca in Spagna con a bordo i cadaveri della donna e del bimbo recuperati a largo delle coste della Libia e Josepha, unica sopravvissuta al naufragio