Giovedì 07 Aprile 2016 - 08:15

Potenza, calci e pugni sui disabili: 7 arresti

Gli indagati sono stati ritenuti responsabili, a vario titolo, in concorso tra loro, dei reati di sequestro di persona e maltrattamenti aggravati

Potenza, Nas in centro riabilitativo per anziani: 7 arresti

Ceffoni, pugni e calci, episodi ripetuti di violenza fisica e psicologica su pazienti psichiatrici che non potevano difendersi, fino a doverne portare uno al pronto soccorso con le dita fratturate, "giustificando la cosa - spiegano gli inquirenti - in modo da mascherare la vera causa". E' quello che avvenita nel reparto M6 del centro socio sanitario riabilitativo, l'ex manicomio, del centro di riabilitazione 'Opera don Uva' di Potenza. Sette persone, sei operatori e un animatore, sono finiti ai domiciliari, con l'accusa di maltrattamenti e violenza, mentre per altre otto - tra le quali il direttore del centro, Lino Mancusi Agatino - è scattato il divieto di dimora nella città di Potenza.

Quasi tutto il personale del reparto era coinvolto. "Solo alcune mosche bianche si comportavano correttamente", ha spiegato il procuratore di Potenza Luigi Gay illustrando l'inchiesta condotta dai Nas. Nel reparto sono ricoverati 28 pazienti. Tra i particolari più agghiaccianti, quello che era proprio un paziente non vedente a subire le violenze più gravi. Nel reparto, sui letti tracce ovunque escrementi, sangue e ruggine e pazienti legati mani e piedi con le lenzuola alla spalliera del letto. E ancora, gli operatori sistematicamente cambiavano i pannoloni senza lavare le persone, mancavano persino i bagni adeguati per disabili, mentre diversi letti erano costituiti da una sorta di gabbia in metallo.

Una indagine iniziata a ottobre 2015, sulla base della denuncia di una parente di un'ex paziente. Per tre mesi le telecamere dei carabinieri hanno ripreso le violenze nella struttura. Una denuncia anonima era arrivata prima di ottobre 2015 - forse da uno degli operatori onesti - ma la procura non aveva potuto procedere proprio perché era anonima.
Però "da intercettazioni si evince che la situazione era nota e ci chiediamo se questa vicenda non poteva emergere prima", ha spiegato Gay.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Brescia, Processo d'appello per Massimo Bossetti

Caso Yara, test dna che inchioda Bossetti valido, analisi irripetibile

Le motivazioni della sentenza con cui i giudici hanno condannato all'ergastolo il muratore di Mapello

Milano, in Centrale camper della Polizia di Stato contro la violenza sulle donne

#QuellaVoltaChe, su Twitter le donne raccontano le molestie subite

L'hashtag è stato lanciato dalla scrittrice Giulia Blasi e sta riunendo i racconti di centinaia di italiane

Corto Maltese - Frankfurt Buchmesse 2015

L'Antitrust assolve Corto Maltese dopo l'esposto del Codacons sul fumo

"La sigaretta risulta elemento caratterizzante il personaggio e costituisce espressione della non sindacabile libertà di manifestazione artistica"

Il fidanzato incontra altre donne e lei lo accoltella: arrestata

Il fidanzato incontra altre donne e lei lo accoltella: arrestata

E' successo ad Arezzo, l'uomo non è in gravi condizioni