Lunedì 08 Maggio 2017 - 20:45

Pomezia, focolai ancora attivi: verifiche sull'amianto

Posti i sigilli all'azienda andata a fuoco

Pomezia, focolai ancora attivi: verifiche sull'amianto

C'era amianto nel deposito di rifiuti plastici andato in fiamme lo scorso venerdì? La domanda aleggia a Pomezia e a Roma, dove si teme per la salute. "Non esiste un'emergenza amianto: attraverso il monitoraggio dell'aria si è verificato che i livelli erano nella norma", rassicura ad ora di pranzo il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti. "Ora, dopo l'incendio, si dovranno accertare con serierà quali sono i materiali che hanno bruciato", continua il governatore.

"Parliamo per ora solo di un'ipotesi: dalla stessa Asl hanno detto che, fino a quando le analisi non saranno concluse, non vogliono pronunciarsi", ha detto ai microfoni di SkyTg24 la sindaca Virginia Raggi, durante un'intervista alla quale ha partecipato anche il sindaco di Pomezia, Fabio Fucci. "Nel caso positivo, si andrà a studiare le direzione del vento", ha precisato Raggi. "Ad oggi - spiega il suo collega di Pomezia - i risultati non si sanno, è ancora impossibile dire" se ci fosse aminato nel deposito.

Durante l'intervista, la prima cittadina di Roma sottolinea che i controlli per la presenza di sostanze pericolose "sono di competenza della Regione", la quale "ora faccia la sua parte". Il governatore del Lazio ha precisato che "le strutture tecniche della Regione dal primo momento stanno monitorando la vicenda", quindi "sono prive di fondamento le dichiarazioni del sindaco Raggi sulla presunta assenza della Regione".

Proprio questo pomeriggio, lo stesso Zingaretti ha presieduto una riunione cui hanno partecipato il direttore generale della Asl Roma 6, Narciso Mostarda, il direttore generale dell'Arpa Lazio, Marco Lupo, l'assessore regionale all'Agricoltura, Carlo Hausmann, e l'assessore all'Ambiente, Mauro Buschini. L'obiettivo era fare un punto della situazione. Intanto la Procura di Velletri ha disposto il sequestro dell'impianto della Eco X e ha incaricato l'Arpa di verificare il grado di diossina eventualmente sprigionatosi nell'aria.

I rappresentanti dell'Arpa Lazio hanno riferito che sono in atto, sin dal momento dell'evento, i monitoraggi inerenti la parte ambientale. Le prime analisi sui campioni prelevati, in prossimità dell'incendio, evidenziano valori di Pm10 superiori ai limiti, ma con una rapida tendenza alla diminuzione. Le ulteriori determinazioni relative a Ipa, diossine e amianto sono in corso, e saranno rese disponibili appena completate le fasi analitiche. Per quanto concerne l'agricoltura, l'assessore Hausmann ha chiarito che non ci sono contaminazioni in atto.

Intanto i vigili del fuoco per il quarto giorno consecutivo sono al lavoro per spegnere i focolai ancora attivi nel depositi.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Ritrovamento di resti di un corpo umano in un cassonetto della spazzatura in Via Guido Reni

Roma, convalida fermo all'uomo che ha fatto a pezzi la sorella

L'avvocato di Maurizio Diotallevi: "Non c'è stata nessuna premeditazione"

Ritrovamento di resti di un corpo umano in un cassonetto della spazzatura in Via Guido Reni

Donna fatta a pezzi e buttata dentro diversi cassonetti

L'uomo, italiano sulla sessantina, è stato identificato e fermato grazie ai video delle telecamere di sicurezza

Roma, pullman incastrato sotto un ponte: 18 feriti, 3 gravi

Roma, pullman incastrato sotto un ponte: 18 feriti, 3 sono gravi

In codice rosso un bambino di 10 anni ricoverato per trauma cranico

Foto pubblicata sul profilo fb di Vanity Dance Studio

Roma, scritte omofobe su scuola di danza: "Minacce continue"

I gestori del Vanity Dance Studio denunciano l'accaduto. Solidarietà dal vicesindaco Bergamo