Martedì 02 Febbraio 2016 - 21:15

Pomeriggio 5, esplosione a Sanremo: le testimonianze

L'attore è ancora sotto choc e per lui rimane il rammarico di non essere riuscito a salvare la proprietari

Sanremo, esplosione in villa dove soggiornava Gabriel Garko

 'Pomeriggio 5', condotto da Barbara d'Urso, apre sul caso dell'esplosione nella villa in cui soggiornava Gabriel Garko a Sanremo. Nell'incendio è morta carbonizzata l'anziana propietaria di casa, mentre l'attore, dopo esser stato trasportato in ospedale con escoriazioni e lievi ferite, è stato dimesso. Ora Garko, scelto come co-conduttore del Festival di Sanremo, dovrà decidere se calcare o meno il palco dello show, che inizierà il 9 febbraio.

L'attore - spiega una giornalista nel servizio mandato in onda durante il programma - è ancora sotto choc e per lui rimane il rammarico di non essere riuscito a salvare la proprietaria.

Nel corso della puntata vengono inoltre ascoltate alcune  dichiarazioni rilasciate da Garko appena dopo l'incidente: "E' un miracolo se sono ancora qui. Ho pensato di stare per morire". "La conduzione del Festivale? Non lo so, vi sembra una cosa da chiedere in questo momento?", aggiunge l'attore. "Ho provato a salvare la signora ma tutto il fumo e le fiamme mi hanno impedito di farlo", continua Garko.

A 'Pomeriggio 5' arriva poi la testimonianza di un'amica della 77enne morta nell'esplosione: "Sto male a stare in casa, è una cosa terribile. Avevamo un bel legame".
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Muore a 170 km/h sull'A1 girando un video: l'appello della madre

Muore a 170 km/h sull'A1 girando un video: l'appello della madre

Ana ha perso la vita a soli 25 anni sull'autostrada a Bologna

Lecco, 78enne ritrovato senza vita in una baita

Lecco, 78enne ritrovato senza vita in una baita

L'allarme di un conoscente che non lo vedeva da qualche giorno

Coldiretti: Nei ristoranti fuorilegge 3 bottiglie di olio su 4

Coldiretti: Nei ristoranti fuorilegge 3 bottiglie di olio su 4

Nel 76% dei casi non viene rispettata la legge europea 2013 bis

Dopo 4 anni lavora 72,8% dei laureati, ma uno su due è precario

Dopo 4 anni lavora 72,8% dei laureati, ma uno su due è precario

Lo comunica l'Istat nel suo report 'I percorsi di studio e lavoro dei diplomati e dei laureati'