Lunedì 18 Aprile 2016 - 19:00

Pomeriggio5, l'aggressione all'inviata Laura Magli

La donna era stata assalita dal marito di Elena Ceste Michele Buoninconti

Barbara D'Urso

Laura Magli, inviata di 'Pomeriggio Cinque', il programmma di Barbara d'Urso, è ospite in trasmissione. La donna racconta di essere andata dai genitori di Elena Ceste per intervistarli, quando per caso si è imbattuta nel marito della Ceste, Michele Buoninconti, che appena l'ha vista ha cercato di aggredirla con un oggetto trovato per terra. Buoninconti, per questa aggressione, è stato poi condannato a sei mesi.

"Michele appena mi ha visto è corso verso di me, si è piegato per prendere da terra un pezzo di legno,  tipo di quelli con cui si tengono aperte le porte basculanti - racconta Magli mentre viene mandato in onda il filmato dell'aggressione - ha alzato il braccio con l'oggetto in mano a due centimetri dal mio viso, con l'intento di colpirmi.
Io mi sono protetta con le braccia, così lui mi ha colpita sulle gambe, dove ero 'scoperta'. Poi ha preso la telecamera con l'idea di cancellare il filmato, ma l'ha gettata a terra. Dopo l'aggressione, sono andata in ospedale ma, per carità cristiana, alla fine ho deciso di non denunciarlo".

"Buoninconti in Tribunale, durante il processo per la mia aggressione, mi guardava sempre e, durante il mio racconto, lui mugugnava continuamente con il suo avvocato - racconta ancora la giornalista - alla fine ha negato di avermi aggredito, ha detto che ci aveva semplicemente invitati ad andare via, ma il filmato dimostra che non è vero".

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

FILES-ITALY-POLITICS-NAPOLITANO-HEALTH

Napolitano dimesso dall'ospedale San Camillo di Roma

Era ricoverato dal 24 aprile dopo il malore e l'operazione al cuore

Corteo e flash mob Non una di meno in occasione del 40esimo anniversario della 194

Aborto, nel 2016 meno della metà del 1982: tutti i dati

Una donna su tre è straniera, il 60% delle strutture ospedaliere lo pratica, 7 su 10 i medici obiettori

Corteo e flash mob Non una di meno in occasione del 40esimo anniversario della 194

Quarant'anni di 194: ma l'aborto rischia di tornare alle mammane

Molte ombre sull'applicazione: obiezione di coscienza, Ru486, contraccezione. E il lavoro di una lobby europea che vuole tornare indietro sui diritti