Martedì 28 Marzo 2017 - 10:00

Bufera su Poletti dopo frasi sui curriculum. Salvini: Si dimetta

Il ministro a Bologna: "Per trovare lavoro meglio giocare a calcetto che mandare cv"

Poletti: Per trovare lavoro meglio il calcetto che mandare curriculum. Salvini: Si dimetta

Una nuova bufera si abbatte sul ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, dopo le frasi pronunciate davanti agli studenti a Bologna. Per trovare lavoro, ha detto il ministro, è meglio "giocare a calcetto che mandare curriculum" e sul web si è scatenata la polemica. "Lo sciagurato ministro del lavoro Poletti ha detto ieri agli studenti di Bologna: 'Meglio giocare a calcetto che mandare curriculum'. È lo stesso tizio che a proposito dei giovani italiani costretti ad andare all'estero per cercare lavoro disse 'alcuni meglio non averli tra i piedi'.
Dimissioni, vergogna, scuse e dimissioni", scrive oggi Matteo Salvini su Facebook.

 

Critico anche il deputato Mdp, Arturo Scotto, che su Twitter dice: "Caro Poletti, il lavoro non si conquista con il calcetto, anche perché tu da Ministro non hai dimostrato di essere Maradona".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Palazzo Rospigliosi. Convegno "Il Lavoro che cambia"

Bonus giovani, Poletti: "Clausola anti-licenziamenti"

Non ancora definito se gli incentivi assunzione saranno destinati solo agli under 29

Nuovo rimpasto in Campidoglio, via Mazzillo: da Livorno arriva Lemmetti al Bilancio

Raggi cambia giunta: via Mazzillo, arriva Lemmetti al Bilancio

Raggi cambia ancora e ha scelto l'assessore della giunta Nogarin che oggi si è dimesso

Vitalizi, Zanda: "Pd non ha nessuna intenzione di insabbiare ddl". M5S: "Ipocrita"

Vitalizi, Zanda: "Pd non vuole insabbiare ddl". M5S: "Ipocrita"

I pentastellati attaccano: "E' d'accordo il collega Sposetti nell'affossare il testo, ma non può dirlo apertamente"

Scuola, ministra Fedeli: "Portare l'obbligo scolastico a 18 anni"

Scuola, ministra Fedeli: "Portare l'obbligo scolastico a 18 anni"

"Si dovrebbe fare una rivisitazione complessiva dei cicli scolastici da un punto di vista della qualità"