Martedì 10 Gennaio 2017 - 17:00

Poletti: Violenti attacchi sui social contro la mia famiglia

Il ministro ribadisce poi in Aula le sue scuse per le frasi sui cervelli in fuga

Poletti denuncia: Violenti attacchi sui social contro la mia famiglia

In seguito alle dichiarazioni sui cervelli in fuga, "si sono scatenati violenti attacchi soprattutto sui social network, che hanno coinvolto la mia famiglia, soprattutto mia moglie e mio figlio. Attacchi che nulla hanno a che vedere con la normale critica politica, per quanto aspra". Questa la denuncia fatta dal ministro del Lavoro Giuliano Poletti nel corso della sua informativa in aula al Senato. Il ministro ha ringraziato "tutti quelli che mi hanno espresso solidarietà contro questa violenza".

LEGGI ANCHE Poletti: Alcuni giovani meglio fuori dai piedi. Poi si scusa

Poletti ha poi ribadito le sue scuse in merito alle frasi sui giovani che hanno scatenato forti polemiche nelle scorse settimane. "Ho risposto in modo sbagliato alla domanda" dei cronisti, "ho sostenuto che non è giusto affermare che quelli che lasciano il nostro paese siano migliori di quelli che rimangono. Constatato il mio errore, ho considerato mio dovere scusarmi subito. Scuse che confermo in quest'aula. Tuttavia già a conclusione della frase incriminata avevo espresso in maniera più chiara il mio pensiero".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Montecitorio, fiaccolata in memoria di Giulio Regeni a due anni dalla sua morte

Regeni, Salvini vola da Al-Sisi: "Giustizia rapida per Giulio"

Il ministro dell'Interno in Egitto: "Il presidente ha assicurato che sarà fatta chiarezza"

Migranti, altri morti e scontro Open Arms-Salvini. Mattarella invoca 'accoglienza'

Una imbarcazione è affondata al largo del nord di Cipro e il bilancio è di almeno 19 morti. Un'altra nave con migranti a bordo bloccata di fronte alla Tunisia

Commissione Vigilanza Rai. Eletto il Presidente Alberto Barachini

Rai, Alberto Barachini: chi è il nuovo presidente della vigilanza

Giornalista, dal 1999 è cresciuto nella squadra Mediaset. Alle ultime elezioni politiche, Silvio Berlusconi lo ha voluto nella squadra dei candidati azzurri

Giustizia, il ministro Bonafede al Csm

Legittima difesa, Bonafede: "No alla liberalizzazione delle armi". M5S frena

Salvini precisa: "No pistole vendute in tabaccheria. Niente modello americano". Il premier Conte: "No alla giustizia privata"