Giovedì 11 Gennaio 2018 - 11:30

Polemica Conte-Mourinho, Capello: "Sono completamente fuori"

E sulla panchina della Nazionale dice: "Io ct? Non sono interessato"

"Credo che Conte non avesse capito con chi aveva a che fare. Sono fuori completamente". Anche Fabio Capello dice la sua sulla guerra verbale più chiacchierata degli ultimi giorni: lo scambio di accuse tra Antonio Conte, tecnico del Chelsea, e Josè Mourinho, allenatore del Manchester United. Ai microfoni di Sky Sport, Capello ha espresso tutto il suo stupore per la durezza dello scontro tra i due: "Non pensavo potessero arrivare a questo. Credo però che quando vai a toccare Mourinho, lui è molto bravo in ogni situazione dialettica. Può darsi che anche questa volta voglia distogliere l'attenzione dalla squadra. Poi se Conte ha usato la parola senile, ritengo abbia sbagliato".

Passando alle questioni italiane, il tecnico dello Jiangsu Suning chiude alla possibilità di un ruolo da commissario tecnico della Nazionale, qualora dovesse ricevere la proposta da parte della federazione. "Io sulla panchina dell'Italia? Non sono interessato". L'allenatore friulano ha auspicato anche una pronta ripresa del calcio italiano: "Spero che la squadra finisca in buone mani, ma c'è bisogno soprattutto che il nostro calcio sforni giocatori di livello. Senza quelli non si va da nessuna parte, nemmeno col più bravo allenatore del mondo".

 

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Giro d’Italia U23: a Rubio la quinta tappa. Williams indossa la maglia rosa

Il colombiano chiude davanti al nuovo leader della generale e al kazako Natarov. Lontani gli italiani: Caiati, il migliore, è sedicesimo. Mercoledì la sesta giornata su LaPresse dalle 17:00

ENG, UEFA CL, Manchester City vs FC Liverpool

Da Guardiola 150mila euro per riparare la nave di Proactiva Open Arms

Un gesto importante per sostenere la ong catalana che si occupa di primo soccorso e salvataggi in mare

Calcio a 5, finali scudetto: l'Acqua&Sapone è campione d'Italia

Per gli abruzzesi è il primo tricolore. Battuta, dopo cinque partite e una serie intensissima, la Luparense detentrice del titolo. Sesto scudetto per Edgar Bertoni, che raggiunge Humberto Honorio, capitano dei veneti

Astori, secondo la nuova perizia il giocatore non è morto nel sonno, è stata 'tachiaritmia'

Forse il capitano della Fiorentina si sarebbe salvato se avesse condiviso la camera con qualcuno che poteva dare l'allarme