Giovedì 16 Febbraio 2017 - 21:45

Polanski dopo 40 anni torna a Los Angeles per processo stupro

Il regista intende recarsi negli Stati Uniti per chiudere il caso sulle accuse di abusi sessuali ai danni una minorenne

 Polanski dopo 40 anni torna a Los Angeles per processo stupro

Il regista Roman Polanski intende recarsi negli Stati Uniti per chiudere il caso sulle accuse di abusi sessuali ai danni una minorenne che lo perseguitano dal 1977 e per cui ha ricevuto un mandato d'arresto dalle autorità americane. Lo fa sapere il sito Tmz spiegando che Polanski è accusato di aver avuto una relazione sessuale con una ragazza di 13 anni, Samantha Geimer, dopo una seduta fotografica nel 1977 a Los Angeles. All'epoca il regista aveva 43 anni: Geimer lo denunciò per stupro accusandolo di averla drogata. Polanski fu arrestato, si dichiarò colpevole e trascorse 42 giorni in carcere. Posto in libertà condizionata, per paura di una condanna più severa fuggì dagli Stati Uniti alla fine del 1978.

Secondo Tmz, il legale del regista, Harland Braun, ha annunciato di aver raggiunto un accordo con la giustizia statunitense per chiudere il processo ottenendo che il suo assistito non sia incarcerato all'arrivo.  Obiettivo di Polanski è tornare a Los Angeles e chiudere il processo contro di lui, senza dover trascorrere altri giorni in carcere.

Polanski, che ha preso la cittadinanza francese e vive a Parigi, nel corso degli anni non ha potuto soggiornare nei Paesi che prevedono accordi di estradizione con gli Stati Uniti, che hanno numerose volte avanzato la richiesta. L'ultima nel 2015, quando e' stata la giustizia polacca a rifiutare la consegna del regista durante un viaggio in Polonia, sostenendo che il reato per la propria legislazione risulterebbe prescritto.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Conferenza stampa sulla morte di Giulio Regeni

Regeni, bufera su governo dopo caso Nyt. Famiglia: Andremo al Cairo

Secondo Claudio Regeni e Paola Deffendi sarebbe sufficiente "un po' più di pressione sul governo egiziano" per fare chiarezza

Usa 2016, Donald Trump in campagna elettorale

Hope Hicks, nuova direttrice della comunicazione per Trump

Già nel 2016 era stata la portavoce della campagna elettorale di Donald Trump

AUT, Österreich bereitet Grenzkontrollen zu Italien vor

Migranti, Austria invierà 70 soldati al Brennero

I militari non verranno schierati, né saranno dispiegati carri armati: serviranno ad aiutare nei controlli

Nord Corea, Trump: Da Kim decisione saggia, alternativa era catastrofe

Corea, Trump: Decisione saggia di Kim, alternativa era catastrofe

Kim ha deciso di "osservare per un po'" il comportamento Usa prima di intraprendere la minacciata offensiva contro Guam