Lunedì 21 Novembre 2016 - 21:00

Plagio in Gomorra, Saviano dovrà pagare 6mila euro a Libra

Condannata anche la casa editrice Mondadori

Plagio in Gomorra, Saviano condannato a pagare 6mila euro a Libra

La Corte d'appello di Napoli, presieduta da Paolo Celentano, ha condannato la Arnoldo Mondadori Editore e Roberto Saviano, in solido tra loro, a pagare alla società cooperativa Libra - che edita il quotidiano Cronache di Caserta e Cronache di Napoli - a pagare 6mila euro a titolo di danni patrimoniali per l'illecita riproduzione nei brani del libro 'Gomorra' di alcuni articoli comparsi nei quotidiani. Condanna invece Libra a restituire alla Mondadori la somma di 21.866 euro e compensa tra le parti le spese dell'intero processo.

La decisione della Corte d'appello - che risale al 26 settembre scorso - arriva dopo che la Corte di Cassazione, con sentenza depositata lo scorso 15 giugno, aveva riconosciuto che lo scrittore Saviano aveva effettivamente riportato nel suo bestseller 'Gomorra' ampi brani di tre articoli, 'Il multilevel applicato al narcotraffico' e 'Ore 9: il padrino lascia la 'sua' Secondigliano', pubblicati su Cronache di Napoli il 17 settembre 2005 e 'Boss playboy, De Falco è il numero uno', pubblicato sul Corriere di Caserta del 17 gennaio 2005.

La Cassazione aveva perciò accolto il ricorso di Saviano e Mondadori solo per la parte economica, giudicando troppo alta la cifra di 60mila euro stabilita come risarcimento dei danni dalla Corte d'Appello in secondo grado. La Corte d'Appello, nel riesaminare il caso, ha ritenuto "di non accettare la richiesta di Libra di considerare nella liquidazione del danno secondo il meccanismo del prezzo del consenso la diffusione e il numero di copie vendute del libro 'Gomorra' trattandosi di evento del tutto imprevedibile al momento della virtuale negoziazione e, nel particolare contesto in cui l'utilizzazione è avvenuta, nemmeno preso in considerazione dalle parti". Ovvero, all'epoca in cui ci fu la richiesta di utilizzazione degli articoli, non era prevedibile il successo del libro e del suo autore, e non può non prendersi in considerazione, osservano i giudici, che i giornali da cui sono tratti gli articoli hanno un ristretto bacino di utenza.

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Roma, processo matrimonio Lollobrigida: assolto 'falso' marito

Roma, processo matrimonio Lollobrigida: assolto 'falso' marito

La denuncia era partita dall'attrice, che si era detta vittima di una presunta truffa da parte dell'uomo

Terrorismo, Minniti firma espulsione per tunisino estremista

Terrorismo, Minniti firma espulsione per tunisino estremista

L'uomo era stato arrestato per propaganda jihadista sul web

Corona, collaboratrice: Fuori dalla società c'era la fila di clienti

Corona, collaboratrice: Fuori dalla società c'era la fila di clienti

Il racconto di Alice Perdon, che lavorava con il re dei paparazzi

E' morto Cino Tortorella, il celebre Mago Zurlì: aveva 89 anni

Morto Cino Tortorella, il celebre Mago Zurlì: aveva 89 anni

La figlia Chiara: "Papà se n'è andato in modo sereno"