Venerdì 04 Marzo 2016 - 14:45

Pizza napoletana candidata a patrimonio dell'umanità Unesco

Grande soddisfazione da parte del ministro Martina, della Coldiretti e del comitato promotore

Pizza napoletana candidata a patrimonio dell'umanità Unesco

Ora è ufficiale: la pizza napoletana è candidata a patrimonio immateriale dell'umanità Unesco. Ad annunciarlo è stato il ministro delle Politiche agricole Maurizio Martina con un tweet: "Sarà l'arte dei pizzaiuoli la candidatura italiana all'Unesco per il patrimonio immateriale MadeInItaly". 

 

 

Grande soddisfazione da parte del della Coldiretti e del comitato di promozione, valorizzazione e tutela della pizza napoletana. "La candidatura della pizza a patrimonio immateriale dell'umanità tutela un settore che vale 10 miliardi di euro ma soprattutto un simbolo dell'identità nazionale", ha affermato il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo in riferimento alla riunione della Commissione di valutazione nazionale per l'Unesco che ha confermato la candidatura. "Con questo importante risultato abbiamo deciso - ha sottolineato Moncalvo - una mobilitazione straordinaria nel weekend per raccogliere le firme nei mercati di Campagna Amica lungo tutta la Penisola per raggiungere l'obiettivo di un milione di firme da presentare il 14 marzo a Parigi dove si incontrerà la Commissione internazionale per valutare l'ingresso nella 'Lista Unesco del patrimonio culturale immateriale dell'umanità".

"Siamo particolarmente soddisfatti per la candidatura italiana al riconoscimento per la pizza napoletana patrimonio dell'umanità", ha commentato il presidente del comitato Rosario Lopa. "Dopo il marchio comunitario STG (specialità tradizione garantita) la nuova iniziativa Unesco rappresenterebbe un'ulteriore riconoscimento alla tradizione gastronomica partenopea, e alle metodiche di preparazione dettate dalla maestria dei nostri Pizzaiuoli, ma è necessario - ha ribadito Lopa - un'alleanza e sinergia tra gli attori principali del sistema Pizza Napoletana (che manca) con le associazioni,il sistema camerale e le istituzioni".

"La pizza napoletana deve prima essere patrimonio di tutti i napoletani e non di pochi. Per queste motivazioni - ha concluso Lopa - bisognerebbe, adesso, coinvolgere tutte le realtà che lavorano intorno al fenomeno pizza, per raggiungere questo nuovo ed importante traguardo, sia economico che sociale, senza nessuna esclusione, per non cadere in facili e sterili strumentalizzazioni di pochi".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

IL PRELIEVO AL BANCOMAT

La crisi spaventa: il denaro non circola, 38 miliardi di riserve in più

I cittadini accumulano per timore di nuove tasse, le imprese non investono perché non hanno fiducia nel futuro

Belgio, insetti da mangiare

Insetti a tavola dal 1 gennaio, più di 1 italiano su 2 è contrario

La maggior parte dei nuovi prodotti proviene da Paesi come la Cina o la Thailandia da anni ai vertici delle classifiche per numero di allarmi alimentari

Maltempo ponte della Liberazione - Nebbia al Passo del Tonale

Nuvole e temperature in calo: il meteo del 21 e del 22 ottobre

Le previsioni per sabato e domenica: il freddo inizia ad arrivare

A customer walks out of a KFC restaurant in Shanghai

Kfc e la lotta alla fame: dona il pollo fritto ai poveri

Il fast food, in collaborazione col Banco Aliminetare, è il primo a non buttare le eccedenze