Martedì 14 Giugno 2016 - 14:15

'Più amore, meno pistole': Emily Ratajkowski condanna strage Orlando

La modella posta una foto di due ragazzi che si baciano su Instagram e scrive: "More love, fewer guns"

'Più amore, meno pistole': Emily Ratajkowski condanna strage Orlando

"Più amore, meno pistole". Anche Emily Ratajkowski condanna la strage di Orlando e decide di dire la sua su Instagram. La modella posta sul suo profilo una foto emblematica, accompagnata dal messaggio "More love, fewer guns": lo scatto ritrae due ragazzi gay, uno bianco e uno di colore, che si baciano, segno di un gesto d'amore che vale molto di più della violenza cieca e brutale che si è abbattuta sul club Pulse.

 

 

More love, fewer guns. #orlando

Una foto pubblicata da Emily Ratajkowski (@emrata) in data:

 

Il post ha totalizzato quasi 82mila 'mi piace', apprezzamenti che inevitabilmente si scagliano contro lo strapotere delle armi negli Usa, concesse troppo spesso con facilità e senza i dovuti controlli.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

New York, esplosione a fermata degli autobus di Manhattan

Esplosione a Nyc, un arrestato con giubbotto esplosivo. "Era collegato all'Isis"

Tra la 42esima strada e la 8th Avenue. L'attentatore rimasto ferito da un tubo-bomba. Si chiama Akayed Ullah, ha 27 anni, originario del Bangladesh

Russian President Vladimir Putin addresses officials of Rostec high-technology state corporation at the Novo-Ogaryovo state residence outside Moscow

Putin ordina il ritiro delle truppe russe dalla Siria

Il presidente ha avuto un colloquio a sorpresa con il suo omologo siriano Bashar al-Assad

Saudi Arabia's King Salman bin Abdulaziz Al Saud presides over a cabinet meeting in Riyadh

Nuova svolta in Arabia Saudita: riaprono i cinema dopo 35 anni

Dopo le donne alla guida, il re Salman decide di riaprire le sale cinematografiche vietate dagli anni '80

Ue-Israele, Mogherini riceve Netanyahu

Gerusalemme, Netanyahu: "È capitale Israele, anche Paesi Ue lo riconosceranno"

Il premier israeliano parla di fronte all'Unione Europea insieme all'alto rappresentante per gli Affari esteri Federica Mogherini