Lunedì 24 Luglio 2017 - 09:45

Pisapia: Abbraccio a Boschi? Non lavoro per dividere ma per unire

La polemica. L'ex sindaco parla a Repubblica. E spiega: "Non voglio fare un partitino del 3-3%". Rosati (Pd): "Ha ragione Giuliano"

Marie Elena Boschi e Giuliano Pisapia alla Festa Metropolitana a Milano

 

Un abbraccio di troppo? Giuliano Pisapia incontra Maria Elena Boschi alla Festa dell'Unità di Milano per un dibattito e i due (che si conoscono da tempo) si abbracciano con tranquilla e cameratesca affettuosità davanti ai fotografi. Troppo sorridente Pisapia? Troppo amichevole con la "nemica" del Pd? Sui social e nel mondo di "Campo Progressista" si apre una discussione (abbastanza surreale) sulla liceità (o, quantomeno, sull'opportunità) di quell'abbraccio.

E su Repubblica di oggi, l'ex sindaco di Milano risponde e spiega in una lunga intervista: "Il popolo del Pd non sarà mai mio nemico, ma con l'attuale Pd che si ritiene autosufficiente e con un sistema elettorale proporzionale alle elezioni, è evidente ci sarà competizione". Gli fa eco, da parte Pd, il capogruppo alla Camera, Ettore Rosati (che ne parla a "Orenove"): "Il dibattito con Boschi e Pispaia è stato utile", perchè "dà il segno di un Pd aperto, che si confronta" e "Pisapia è una persona seria". E poi: "Pisapia dice che il nemico non è il Pd ma la destra e io non posso che condividere pienamente".

Tornando all'intervista al quotidiano di Mario Calabresi, Pisapia pone un problema tecnico e politico insieme che obbliga ciascuna forza a cercare un suo spazio autonomo. Ma il leader di "Campo Progressista" non dimentica le proporzioni della questione e sa benissimo che qualunque cosa si voglia fare nel centrosinistra, non può prescindere dal Pd: "La legge elettorale proporzionale - aggiunge - non prevede la formazione delle coalizioni, perciò bisogna prendere atto che è sempre più necessario lavorare per costruire un movimento progressista, un rinnovato centrosinistra, autonomo e indipendente dal Pd ma che sia ambizioso e generoso. Non mi interessa mettere insieme un partitino del 3 o 4 per cento piuttosto che un cartello elettorale che si divide il giorno in cui si dovranno affrontare le grandi sfide che ci attendono. Non ci si può accontentare di abbaiare alla luna".

L'intervistatrice (Giovanna Casadio) gli pone il problema dell'attaeggiamento degli altri leader della sinistra: "Bersani - rimarca Pisapia - in più occasioni ha ribadito che è necessario il progetto di nuovo centrosinistra in discontinuità con il passato. Anche D'Alema dice che l'alleanza con il Pd si valuterà, ma dopo le elezioni. E di certo io non andrò con il Pd. Sfido però chiunque a dire che siano migliori le risposte delle destre di quelle, pur con tutte le diverse sfumature, della sinistra e del centrosinistra".

Quanto all'abbraccio alla Boschi, il leader di campo progressista replica: "Trovo questa polemica assurda e irreale, e in molti casi vergognosamente strumentale. Ho salutato e abbracciato la sottosegretaria Boschi così come ho abbracciato centinaia di persone e sorriso per non so quante foto". "Mi colpiscono - rincara Pisapia - le polemiche di chi, fino a pochi mesi fa, era nel Pd e votava leggi che oggi critica. Sono e sono sempre stato contro la politica dell'odio e del rancore. Non dimentichiamo che dietro i leader ci sono milioni di persone che nella politica cercano risposte ai loro problemi, non battaglie personali".

"Se lavori su quello che divide - rimarca Pisapia -, sei condannato a perdere. E io sono molto preoccupato da un futuro dell'Italia in mano alle destre o ai disfattisti. È un ragionamento molto semplice, matematico: divisi si perde. Trovare il minimo comune denominatore è indispensabile. Io non sono disponibile a lavorare 'contro' chi ha gli stessi valori e gli stessi princìpi, non l'ho mai fatto e tanto meno lo farò oggi quando la posta in gioco è terribilmente alta, è il futuro del nostro paese. Per questo continuo a dire no ai personalismi e alle polemiche, spesso pretestuose".

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Rimini, Italia 5 Stelle 2017

Sondaggio Ixè/Radio1: M5S si conferma primo partito con 28 per cento

Il Pd scende perdendo 0,4% rispetto alla settimana scorsa e portandosi al 23,4%, mentre Forza Italia cresce dello 0,3%

Camera dei Deputati - Il deputato PD Francantonio Genovese

Messina, Genovese jr e padre indagati per riciclaggio: maxi sequestro di beni

Bufera giudiziaria sulla famiglia dell'ex deputato Francantonio. Coinvolto anche il figlio Luigi, il baby deputato FI eletto con con quasi 18.000 preferenze

FILE PHOTO: Forza Italia party leader Silvio Berlusconi gestures during a rally for the regional election in Palermo

Berlusconi, a Strasburgo udienza su incandidabilità. Lui: "Sono fiducioso"

Prima e unica udienza presentata dal leader Fi sulla legge Severino. La sentenza arriverà solo nel 2018

Assemblea nazionale di Articolo 1 - Mdp

Art 18, la proposta torna in Commissione. Speranza: "Finite aperture con Pd"

Per soli 26 voti la Camera ha mandato indietro il testo suscitanto l'ira del leader Mdp