Lunedì 24 Luglio 2017 - 09:45

Pisapia: Abbraccio a Boschi? Non lavoro per dividere ma per unire

La polemica. L'ex sindaco parla a Repubblica. E spiega: "Non voglio fare un partitino del 3-3%". Rosati (Pd): "Ha ragione Giuliano"

Marie Elena Boschi e Giuliano Pisapia alla Festa Metropolitana a Milano

 

Un abbraccio di troppo? Giuliano Pisapia incontra Maria Elena Boschi alla Festa dell'Unità di Milano per un dibattito e i due (che si conoscono da tempo) si abbracciano con tranquilla e cameratesca affettuosità davanti ai fotografi. Troppo sorridente Pisapia? Troppo amichevole con la "nemica" del Pd? Sui social e nel mondo di "Campo Progressista" si apre una discussione (abbastanza surreale) sulla liceità (o, quantomeno, sull'opportunità) di quell'abbraccio.

E su Repubblica di oggi, l'ex sindaco di Milano risponde e spiega in una lunga intervista: "Il popolo del Pd non sarà mai mio nemico, ma con l'attuale Pd che si ritiene autosufficiente e con un sistema elettorale proporzionale alle elezioni, è evidente ci sarà competizione". Gli fa eco, da parte Pd, il capogruppo alla Camera, Ettore Rosati (che ne parla a "Orenove"): "Il dibattito con Boschi e Pispaia è stato utile", perchè "dà il segno di un Pd aperto, che si confronta" e "Pisapia è una persona seria". E poi: "Pisapia dice che il nemico non è il Pd ma la destra e io non posso che condividere pienamente".

Tornando all'intervista al quotidiano di Mario Calabresi, Pisapia pone un problema tecnico e politico insieme che obbliga ciascuna forza a cercare un suo spazio autonomo. Ma il leader di "Campo Progressista" non dimentica le proporzioni della questione e sa benissimo che qualunque cosa si voglia fare nel centrosinistra, non può prescindere dal Pd: "La legge elettorale proporzionale - aggiunge - non prevede la formazione delle coalizioni, perciò bisogna prendere atto che è sempre più necessario lavorare per costruire un movimento progressista, un rinnovato centrosinistra, autonomo e indipendente dal Pd ma che sia ambizioso e generoso. Non mi interessa mettere insieme un partitino del 3 o 4 per cento piuttosto che un cartello elettorale che si divide il giorno in cui si dovranno affrontare le grandi sfide che ci attendono. Non ci si può accontentare di abbaiare alla luna".

L'intervistatrice (Giovanna Casadio) gli pone il problema dell'attaeggiamento degli altri leader della sinistra: "Bersani - rimarca Pisapia - in più occasioni ha ribadito che è necessario il progetto di nuovo centrosinistra in discontinuità con il passato. Anche D'Alema dice che l'alleanza con il Pd si valuterà, ma dopo le elezioni. E di certo io non andrò con il Pd. Sfido però chiunque a dire che siano migliori le risposte delle destre di quelle, pur con tutte le diverse sfumature, della sinistra e del centrosinistra".

Quanto all'abbraccio alla Boschi, il leader di campo progressista replica: "Trovo questa polemica assurda e irreale, e in molti casi vergognosamente strumentale. Ho salutato e abbracciato la sottosegretaria Boschi così come ho abbracciato centinaia di persone e sorriso per non so quante foto". "Mi colpiscono - rincara Pisapia - le polemiche di chi, fino a pochi mesi fa, era nel Pd e votava leggi che oggi critica. Sono e sono sempre stato contro la politica dell'odio e del rancore. Non dimentichiamo che dietro i leader ci sono milioni di persone che nella politica cercano risposte ai loro problemi, non battaglie personali".

"Se lavori su quello che divide - rimarca Pisapia -, sei condannato a perdere. E io sono molto preoccupato da un futuro dell'Italia in mano alle destre o ai disfattisti. È un ragionamento molto semplice, matematico: divisi si perde. Trovare il minimo comune denominatore è indispensabile. Io non sono disponibile a lavorare 'contro' chi ha gli stessi valori e gli stessi princìpi, non l'ho mai fatto e tanto meno lo farò oggi quando la posta in gioco è terribilmente alta, è il futuro del nostro paese. Per questo continuo a dire no ai personalismi e alle polemiche, spesso pretestuose".

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Il Presidente Mattarella a Civitavecchia in occasione della partenza della "Nave della Legalità"

Il Colle non ci sta: "Tema non sono veti, ma diktat su Mattarella e Conte"

Trapelano malumori per la posizione di Di Maio e Salvini su Savona all'Economia

Quirinale, Consultazioni

Salvini: "Pace fiscale e autonomia le priorità". E insiste su Savona al Mef

Una persona che vuole ridiscutere le regole europee "è un vanto per l'Italia, non un disvalore"

Quirinale, terzo giro di consultazioni per la formazione del nuovo governo

Berlusconi attacca: "FI non sosterrà il governo, incompatibili con M5S"

Il leader forzista si scaglia contro "l'ideologia pauperista e giustizialista dei grillini"

Camera dei Deputati - Consultazioni del Presidente incaricato Giuseppe Conte

Conte incontra i partiti, poi i truffati dalle banche e Visco. "Governo in tempi brevi, tutti i ministri politici"

Salvini e Di Maio blindano Savona. Irritazione del Quirinale: "Non si limiti autonomia del presidente del Consiglio"