Mercoledì 04 Ottobre 2017 - 10:15

Pisapia contro D'Alema: "Faccia passo di fianco, è divisivo. Sul Def nessuno strappo con Mdp"

Speranza: "Speriamo di fare strada insieme". Iniziata in Senato la discussione generale sulla manovra

Paolo Gentiloni incontra Pisapia e una delegazione di MDP

Massimo D'Alema? "Io sono dell'idea che chi non ha obiettivi personali potrebbe fare un passo di fianco".  Queste le parole del leader di Campo Progressista, Giuliano Pisapia, a Radio Capital dopo lo strappo di Mdp sul Def. "Bisogna essere in grado di unire, e vale per lui come per me. D'Alema sa perfettamente che io sono a disposizione di un progetto unitario e invece lui continua a fare dichiarazione che dividono. Era favorevole che oggi non si votasse lo scostamento di bilancio, che avrebbe portato all'aumento dell'Iva. Io e altri abbiamo voluto fare un percorso diverso diverso", prosegue.

Da Mdp, precisa l'ex sindaco di Milano, "non mi aspettavo altro di diverso, non c'è uno strappo. Era fondamentale che Mdp non votasse contro lo scostamento di bilancio. C'erano parlamentari che volevano votare contro lo scostamento e invece ora inizia un percorso. Non si chiudono le porte alla trattativa" con il governo.

Sul suo impegno per costruire un nuovo centrosinistra, Pisapia dichiara: "Il mio obiettivo è una sinistra di governo, vedo posizioni differenti. Per un po' vado avanti e poi vedo". "Andrò avanti ancora, ma è un percorso difficilissimo", aggiunge, sottolineando poi che "nessuno è indispensabile".

"C'è una totale convergenza con Pisapia sulle richieste poste al governo. Se il governo dovesse cambiare linea in queste ore, noi siamo pronti a sederci e a ridiscutere", dice oggi il leader di Mdp, Roberto Speranza, a Omnibus su La7. "Pisapia - continua - è una personalità importante. Spero che potremo costruire insieme un tratto di strada decisivo per il futuro dell'Italia".

DEF IN DISCUSSIONE AL SENATO. Intanto è iniziata nell'aula del Senato la discussione generale sulla nota di aggiornamento al Def. Per il governo assiste ai lavori il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan. Il Parlamento è chiamato ad esprimere due distinti voti: uno sulla nota di aggiornamento al Def, e uno sulla relazione del governo al Parlamento sullo scostamento dal piano di rientro dal debito che ha già avuto l'ok preliminare dell'Ue. Mentre per il primo basta la maggioranza semplice, per la seconda serve la maggioranza assoluta, cioè 161 voti. Determinante dunque la posizione di Mdp, che ha assicurato il proprio voto alla relazione per senso di responsabilità, ma che dovrebbe astenersi sul Def. Anche l'aula di Montecitorio oggi pomeriggio affronterà la NaDef, con l'obiettivo di ottenere il via libera del Parlamento entro stasera.

"Nessuno può negare, in base a molteplici indicatori, che la nostra economia sta migliorando in modo sensibile e visibile, è un dato di fatto. Migliora dal punto di vista della crescita, dell'occupazione, dal punto di vista della finanza pubblica che si sta gradualmente consolidando il che è un elemento fondamentale, ed è ragionevole dire che continuerà a farlo . Si sta andando nella direzione giusta", ha detto il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan intervenendo in aula al Senato. "Siamo un Paese ad alto debito ma da noi il debito ha cominciato a scendere e continuerà a scendere e con velocità crescente nei prossimi anni togliendo dal tavolo un fattore di rischio che molto spesso ha messo in dubbio la possibilità di fare politica economica", ha aggiunto.

"La Nota di aggiornamento al Def definisce un quadro di riferimento che andrà riempito con misure specifiche nella legge di Bilancio ma già si indicano alcune aree di intervento che nelle risorse limitate a disposizione vedono tra gli elementi di impegno la totale disattivazione delle clausole Iva". 

Confermato il no di Mdp. "Non voteremo la risoluzione di maggioranza sulla nota di aggiornamento al Def. Continueremo a batterci per risposte di maggiore equità ed è su queste risposte che orienteremo anche il voto per quella legge. Riteniamo che la maggiore flessibilità degli anni passati sia stata per lo più sperperata. Le politiche sin qui perseguite sono state inefficaci" e "siamo molti colpiti  dalla visione rosea illustrata dal ministro Padoan", ha spiegato la senatrice di Mdp Cecilia Guerra durante le dichiarazioni di voto. "Questa lettura sbagliata degli effetti miracolosi delle politiche sin qui condotte porta a politiche di continuismo. Noi invece chiediamo discontinuità - aggiunge - per invertire la caduta della spesa sanitaria sul Pil partendo dall'abolizione del superticket. Scriverlo nelle risoluzioni di maggioranza non basta se non c'è una vera disponibilità del Governo. Disponibilità su cui oggi non abbiamo segnali veri".
 

 

 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

5-Star Movement member Di Battista speaks to supporters in front of Montecitorio palace in Rome

M5s, Di Battista: "Niente staffette con Di Maio, voglio stare con mio figlio"

Il deputato spiega al Corriere della Sera perché ha scelto di non ricandidarsi in Parlamento

Silvio Berlusconi ospite a "Porta a Porta"

Berlusconi:"In campo con o senza sentenza Strasburgo. M5S vero pericolo"

Per il leader di Forza Italia il nemico da battere sono i Cinquestelle che "hanno un programma delirante basato sull'invidia per il ceto medio"

Matteo Renzi ospite di Porta a Porta

Renzi gela la sinistra: "No su art.18". E sfida Berlusconi in suo collegio

Apertura nei confronti di Pisapia e ai centristi di Alfano. Vede un giovane ricercatore a contendere il collegio di Luigi Di Maio

Ue, Renzi da Macron: "Siamo argine per populisti come Salvini e Le Pen"

Il segretario dem all'Eliseo per un incontro informale: "È punto di riferimento in Europa"