Venerdì 03 Febbraio 2017 - 14:30

Pioli: Con la Juventus una gara sentita, vale più di 3 punti

Il tecnico nerazzurro carica i suoi in vista del Derby d'Italia

Pioli: Con la Juventus una gara sentita, vale più di 3 punti

"L'Inter gioca una partita che vale tre punti come tutte le altre però sappiamo che questa gara può valere anche di più per la sfida che rappresenta, per quanto è sentita. Non a caso è il derby d'Italia". Il tecnico dell'Inter Stefano Pioli ha presentato così in conferenza stampa la sfida con la Juventus. "Ci siamo preparati bene - ha proseguito l'ex allenatore della Lazio - Soprattutto nelle ultime gare la Juventus ha dei numeri molto importanti nei primi 20 minuti, da prendere con grande attenzione e rispetto. Sappiamo quanto sarà importante approcciare in maniera efficace i primi minuti di partita"

 "Non ho mai battuto la Juve? Non ho mai allenato l'Inter..." ha replicato il tecnico a chi gli ricorda come da allenatore non sia mai riusciti a vincere contro i bianconeri. "Scenderemo in campo per dare il massimo e cercare di vincere - ha aggiunto - Ci darebbe fiducia, forza e ancor più convinzione, ma non sarà comunque una partita decisiva per il nostro campionato né per quello dei nostri avversari".
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Inter - Roma

Le pagelle di Inter-Roma: Alisson dei miracoli, disastro Santon

Il portiere di gran lunga il migliore in campo. Bene anche Skriniar e El Shaarawy. Male Bruno Peres

Inter - Roma

Inter-Roma, finisce 1-1 lo spareggio di Champions League

Segnano El Shaarawy e Vecino. Grandi parate di Alisson che tiene avanti i giallorossi fino all'85'. Partita non bella ma molto combattuta

Hellas Verona - Inter

Inter-Roma, Spalletti: "Non è decisiva". Di Francesco: "Dzeko titolare"

Le dichiarazioni dei mister aspettando il match di questa sera

Christian Vieri e la sua fidanzata Costanza  Caracciolo in spiaggia a Miami

Vieri pedinato da Inter e Telecom. Ora i giudici gli danno torto

L'ex calciatore, in primo grado aveva ottenuto un milione di risarcimento. Poi ridotto a 120 mila euro. Adesso è stata respinto il suo ricorso e dovrà pagarne 33 mila