Domenica 15 Maggio 2016 - 10:45

Pinotti: Mai ricevuto nessun Rolex né gioielli per le mie figlie

La ministra: Mie dimissioni? Non sono preoccupata

La ministra della Difesa Roberta Pinotti

Roma, 15 mag. (LaPresse) - "Non ho mai ricevuto nessun Rolex, nè gioielli per le mie figlie". Il ministro della Difesa Roberta Pinotti, intervistata da Maria Latella su Sky Tg24, rimanda al mittente le accuse e spiega: "Ho querelato Dagospia e i giornali che incautamente che hanno ripreso la notizia". "Non so ce c'è una regia, ma una notizia non verificata è stata ripresa in prima pagina da alcuni giornali - prosegue - C'è una stanza al ministero della Difesa, dove sono catalogati tutti i doni ricevuti nelle missioni istituzionali, che vengono gestiti dagli uffici preposti".

"Dimissioni? E perché? Perché qualcuno ha detto una bugia? L'ultima volta che ho sentito con Renzi abbiamo parlato della Libia e della lotta all'Isis. Non sono per nulla preoccupata. Negli ultimi due anni ho dimostrato di saper fare il mio lavoro", dice ancora la ministra.

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Giuseppe Conte al Quirinale per l'incarico

Il governo di Conte parte con lo scetticismo degli industriali

Nulla di quanto è stato paventato dal neo premier è in linea con i desiderata di Confindustria, nemmeno Tav e Tap, eppure Di Maio e Salvini non sembrano preoccuparsi

Giuseppe Conte al Quirinale per l'incarico

Governo, Conte è il nuovo premier. Il giurista accetta l'incarico con riserva

Di Maio esulta: "Inizia la terza Repubblica". Lega: "Pronti a partire"

Luigi Di Maio presenta la squadra di Governo

Governo, M5S si divide su Conte premier. Di Maio: "Resta il nostro candidato". Carelli: "Potrebbe saltare"

Si attende la decisione di Mattarella. Il prof indicato da Lega e M5S per l'incarico a presidente dei Consiglio finito nella bufera per le presunte irregolarità nel suo curriculum

Trasmissione televisiva 'in 1/2 ora'

Governo, chi è Paolo Savona: l'economista anti euro

È stato direttore della Banca d'Italia e di Confindustria. È lui il nome indicato da Salvini e Di Maio per il Mef