Mercoledì 20 Settembre 2017 - 11:00

Pil Italia, l'Ocse rivede i dati in crescita: +1,4% nel 2017

Stime migliorate dello 0,4% e dello 0,2 nel 2018. Il Pil mondial crescerà del 3,5% nel 2017

Borsa di Tokyo

L'Ocse rivede al rialzo anche le stime per l'Italia: nell'Interim Economic Outlook diffuso oggi le proiezioni del Pil per il 2017 vedono un aumento del 1,4%, con un + 0,4% rispetto agli outlook di giugno. Per il 2018 la stima è del 1,2%, proiezione rivista al rialzo dello 0,2%.

La migliorata performance dell'Italia - si legge nel report Ocse - è determinata dalla domanda interna con l'aumento dell'occupazione che alimenta i consumi privati. Mentre gli investimenti fissi sono aumentati a seguito dei nuovi incentivi fiscali, il credito bancario alle società non finanziarie non è ancora aumentato. Rischi a medio termine nel settore bancario si stanno gradualmente affrontando attraverso la ricapitalizzazione del settore privato, ricapitalizzazioni precauzionali guidate dallo Stato e risoluzioni.

Pil mondiale - La crescita del Pil mondiale è destinata ad aumentare di circa il 3,5% nel 2017 e del 3,7% nel 2018, dal 3% nel 2016, una previsione leggermente migliorata rispetto a quella di giugno. Il dato fa parte dello stesso rapporto e rileva anche come la ripresa economica sia maggiormente sincronizzata tra i diversi paesi. Gli investimenti, l'occupazione e il commercio sono in espansione.

La crescita, sottolinea l'Ocse nel report, è più alta del 2016 ma al di sotto dei valori storici. Complessivamente, la proiezione globale del PIL è leggermente migliorata a partire dalla prospettiva economica del giugno 2017 dell'Ocse, con un impulso a breve termine sincronizzati in tutto il mondo. Le previsioni per l'area dell'euro, il Giappone e il Canada sono state riviste verso l'alto, riflettendo una performance più forte del previsto nella prima metà del 2017. Gli sviluppi nelle economie di mercato emergenti sono state più variati con sorprese positive in Cina e Russia, e una revisione in discesa in India in parte a causa di fattori transitori.

GENTILONI: CRESCITA CERTIFICATA. "L'aggiornamento del Def ci dà un messaggio positivo, e cioé ci dice che le previsioni di crescita sono molto diverse da quelle di qualche tempo fa, l'Ocse stessa le corregge, ed è una correzione enorme: per lo stesso istituto, rispetto a giugno, la crescita italiana aumenta del 40%". Lo ha detto il premier Paolo Gentiloni prima del suo intervento all'Assemblea Generale delle Nazioni Unite.  La nota di aggiornamento del Def includerà previsioni economiche sul Pil "molto più alte rispetto a quelle del Def". E questo "darà possibilità di margini di deficit diverse e migliori" rispetto a quanto previsto nei mesi scorsi.

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Paolo Gentiloni riceve il Premier bulgaro a Palazzo Chigi

Gentiloni: "La crescita c'è. Non siamo più il fanalino di coda d'Europa"

Il premier risponde al vice commissario Ue, Katainen che aveva attaccato i nostri conti pubblici: "Dobbiamo saper cogliere l'occasione"

Matteo Salvini visita la zona rossa del paese terremotato di Visso

Decreto fisco. Arriva la norma "salva nonna Peppina"

Emendamento in commissione Bilancio. Non vengono abbattute le case abusive se davvero necessarie e fino al ritorno alla normalità

Dl fisco, stop a rate mutui nelle zone terremotate fino al 2020

La proposta in un maxiemendamento del governo al decreto in esame in commissione Bilancio al Senato

Annual meeting cuamm Medici con l'Africa

Istat: il Pil va meglio del previsto: più 1,8% sul 2016. Esulta Gentiloni

Il dato del terzo trimestre 2017 superiore agli auspici dei tecnici. Il premier: "Merito di famiglie, lavoratori e imprese"