Martedì 16 Febbraio 2016 - 11:15

Petrolio, accordo Riyad-Mosca su produzione, ma nodo è Iran

Accordo in vista ma dalla Russia precisano: "Pronti a farlo se anche altri ci seguiranno"

Una raffineria di petrolio

L'accordo tra Arabia Saudita e Russia potrebbe non bastare a ottenere una stabilizzazione dei prezzi del petrolio. I due Paesi, insieme con Qatar e Venezuela, hanno raggiunto oggi a Doha un'intesa per congelare la produzione del greggio ai livelli di gennaio. L'annuncio è stato dato ministro dell'Energia del Qatar, Mohammad bin Saleh al-Sada, a cui ha fatto eco il ministro del Petrolio saudita, Ali al-Naimi, che ha perfino accennato alla possibilità di "altre misure" se necessario. In quel momento il petrolio Brent ha toccato il massimo dal 4 febbraio, a 35,55 dollari al barile, e il future statunitense Wti è balzato fino al top di giornata a 31,53 dollari.

Tuttavia ci ha pensato il ministro russo dell'Energia, Alexander Novak, a precisare che l'accordo è valido solo a condizione che altri Paesi produttori facciano lo stesso. E l'entusiasmo degli operatori di mercato, che già ritenevano improbabile un calo della produzione, è venuto meno riportando il Brent in area 33,5 dollari al barile e il Wti in area 29,5 dollari.

Il nodo per un accordo tra i grandi produttori Opec e non-Opec è infatti l'Iran, che è appena uscito dall'embargo imposto dall'Occidente e vuole riprendersi la propria fetta di mercato. Il quarto partecipante al vertice di Doha, il venezuelano Eulogio Del Pino, sarà domani a Teheran con il ministro del Petrolio iracheno per negoziare un accordo con l'omologo iraniano, Bijan Zanganeh. Quest'ultimo, citato dall'agenzia Shana, ha affermato che "quello che è importante è che, in primo luogo, il mercato si trova ad affrontare un surplus, e che, in secondo luogo, l'Iran non rinuncerà alla propria quota".

Secondo due fonti interpellate da Reuters, a Teheran potrebbero essere offerte condizioni speciali se fosse raggiunto un accordo tra i principali Paesi produttori per congelare la produzione ai livelli di gennaio. Nel frattempo l'Iraq ha fatto trapelare il suo sì di massima a un'intesa per il congelamento dell'output. Baghdad "è a favore di ogni decisione che contribuisca a puntellare i prezzi del petrolio", ha spiegato una fonte del governo iracheno.

Un'adesione ufficiale è invece arrivata dal Kuwait, che "accoglie con favore l'accordo di Doha e conferma il suo impegno rispetto a quanto convenuto, ovvero congelare la produzione ai livelli di gennaio 2016, a condizione che che i principali produttori Opec e non-Opec si impegnino a loro volta", ha dichiarato Anas al-Saleh, il ministro del Petrolio kuwaitiano.
 

Scritto da 
  • Lorenzo Allegrini
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Il Presidente Gentiloni in conferenza stampa dopo il CDM

Via libera al Def, crescita al 1.5%. Debito giù, aumenta spesa per migranti

La stima per il 2019 è del 1,4%, e per il 2020 al 1,3%. Padoan: "Cifre prudenziali"

FILES-ITALY-AVIATION-ALITALIA

Alitalia, vendita slitta a ottobre. Lufthansa: "Così com'è non ci interessa"

La decisione del Consiglio dei ministri. Intanto l'Antitrust ha aperto un' "indagine approfondita" per aiuti di Stato

Facebook, gli utenti potranno fare appello contro la rimozione dei post

Una novità per limitare gli eventuali errori di valutazione del social network

Crisi Alitalia - Aerei Alitalia atterrano e decollano dall'aeroporto di Fiumicino

Faro Ue sui 900 milioni ad Alitalia: "Timori su aiuto di Stato illegittimo"

Indagine sul prestito ponte. E la commissaria Vestager chiarisce che all'Italia non saranno fatti sconti