Giovedì 07 Gennaio 2016 - 12:30

Perugia, fatta brillare bomba artigianale davanti alla sede di Banca Etruria

L'ordigno, secondo quanto si apprende dai carabinieri, conteneva dei chiodi arrugginiti e una polvere che è al vaglio degli esami

Perugia, fatto brillare ordigno rudimentale davanti alla sede di Banca Etruria

Un ordigno rudimentale davanti alla sede della Banca Etruria di Ponte San Giovanni (Perugia) è stato fatto brillare dagli artificieri dei carabinieri del comando provinciale di Perugia. L'ordigno, secondo quanto si apprende dai carabinieri, conteneva dei chiodi arrugginiti e una polvere che è al vaglio degli esami. L'ordigno sarebbe stato a bassa potenzialità, ma avrebbe potuto causare una grossa fiammata. Le attività di indagini per individuare i responsabili sono in corso.

Loading the player...

LA CONDANNA. "Apprendiamo dagli organi di stampa la notizia di un pacco bomba di fronte alla filiale di Banca Etruria di Ponte San Giovanni in provincia di Perugia. Qualora tale episodio sia verificato, condanniamo con determinazione questo gesto e qualsiasi altra forma di protesta criminosa". Così la presidente del gruppo Vittime del Salva Banche, Letizia Giorgianni, dopo aver appreso della bomba rudimentale trovata di fronte alla filiale dell'istituto di credito. "Le nostre proteste - ha aggiunto - continueranno nella legalità e nel rispetto delle regole che ci ha sempre contraddistinto".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Palermo, nuovo sbarco di migranti al porto: 241 sono bambini

"In Europa e Italia donne e bambini a rischio sfruttamento"

Il rapporto di Save the Children. Nel nostro paese nel 2016 le vittime sono state 1.172

Milano, 7mila euro per falsi permessi di soggiorno: in carcere 're delle trans'

Milano, 7mila euro per falsi permessi di soggiorno: in carcere 're delle trans'

Secondo gli investigatori, Biagio Lomolino era a capo di un giro di prostituzione dei trans sudamericane nel capoluogo lombardo

Processo Talluto, la pm chiede l'ergastolo per 'l'untore dell'hiv'

Il 32enne sieropositivo è accusato di epidemia dolosa e lesioni gravissime, per aver contagiato negli anni decine di partner con rapporti non protetti

Gasolio rubato in Libia e rivenduto in Italia ed Europa: sei arresti a Catania VIDEO

La merce veniva sottratta dalla raffineria di Zawyia, trasportata via mare in Sicilia e successivamente immessa nel mercato