Mercoledì 09 Agosto 2017 - 17:00

Perquisizione in casa della capo della campagna di Trump

L'Fbi ha fatto visita all'abitazione di Paul Manafort in Virginia e ha sequestrato documenti e altro materiale nell'ambito delle indagini sul Russiagate

Manafort of Republican presidential nominee Trump's staff listens during a round table discussion on security at Trump Tower in the Manhattan borough of New York

Agenti dell'Fbi hanno sequestrato documenti e altri materiali da un'abitazione in Virginia di Paul Manafort (nella foto), capo della campagna elettorale dell'allora candidato e ora presidente americano Donald Trump. Il sequestro rientra nelle indagini sulle presunte interferenze della Russia nelle elezioni del 2016, ha riferito il Washington Post. Il raid è stato condotto senza preavviso il 26 luglio, dopo un incontro di Manafort con membri della commissione Intelligence del Senato, secondo il Post che ha citato fonti non identificate a conoscenza dei fatti. Un portavoce di Paul Manafort ha confermato che la perquisizione c'è stata e che l'Fbi aveva un mandato.

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

PIAZZA DEL POPOLO - MANIFESTAZIONE ORGANIZZATA DALL'ULIVO CONTRO LA GUERRA IN IRAQ

Gli Usa lasciano il consiglio diritti umani dell'Onu: "Ipocrita con Israele"

L'annuncio all'assemblea dove è stato criticato il comportamento americano con gli immigrati dal Messico

Merkel vede Macron: "Impegno per bilancio comune dell'Eurozona"

E sui migranti il presidente francese ribadisce: "Risposta europea alla sfida e più solidarietà"

Donald Trump si incontra con la National Space Council alla Casa Bianca

Migranti, Trump: "Arrestare sempre chi entra illegalmente negli Usa"

Nuovo attacco del presidente nel pieno della polemica sui bimbi separati dalle famiglie

Stati Uniti, proteste contro il trattamento dei migranti al confine con il Messico

Migranti, il pianto disperato dei bimbi separati dalle famiglie al confine tra Messico e Usa

In un audio ottenuto dal Servizio di protezione delle frontiere le conseguenze della politica tolleranza zero di Trump