Mercoledì 09 Agosto 2017 - 17:00

Perquisizione in casa della capo della campagna di Trump

L'Fbi ha fatto visita all'abitazione di Paul Manafort in Virginia e ha sequestrato documenti e altro materiale nell'ambito delle indagini sul Russiagate

Manafort of Republican presidential nominee Trump's staff listens during a round table discussion on security at Trump Tower in the Manhattan borough of New York

Agenti dell'Fbi hanno sequestrato documenti e altri materiali da un'abitazione in Virginia di Paul Manafort (nella foto), capo della campagna elettorale dell'allora candidato e ora presidente americano Donald Trump. Il sequestro rientra nelle indagini sulle presunte interferenze della Russia nelle elezioni del 2016, ha riferito il Washington Post. Il raid è stato condotto senza preavviso il 26 luglio, dopo un incontro di Manafort con membri della commissione Intelligence del Senato, secondo il Post che ha citato fonti non identificate a conoscenza dei fatti. Un portavoce di Paul Manafort ha confermato che la perquisizione c'è stata e che l'Fbi aveva un mandato.

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Malta, autobomba uccide la giornalista Daphne Caruana Galizi

Giornalista uccisa a Malta, il figlio: "È colpa dello Stato corrotto"

Il giovane racconta "l'inferno" che ha visto quando è accorso sul luogo dell'esplosione

Fighters of Syrian Democratic Forces gesture the "V" sign at the frontline in Raqqa

"Raqqa è libera": i curdi si riprendono la capitale dell'Isis

La roccaforte dello Stato islamico espugnata con l'aiuto degli Usa

Malta, autobomba uccide la giornalista Daphne Caruana Galizi

"Giustizia per Daphne": proteste ai tribunali per la giornalista uccisa a Malta

Atteso l'arrivo di agenti dell'Fbi, la cui collaborazione alle indagini è stata richiesta dalle autorità dell'isola

U.S. President Donald Trump salutes as he boards Air Force One as he departs for Greenville, South Carolina, from Joint Base Andrews

Obamacare, così Trump affonda la riforma / Videoscheda

L'ordine esecutivo dell'altro giorno tende a impedire al sistema di funzionare e rigetta la palla a democratici e repubblicani