Mercoledì 04 Maggio 2016 - 16:45

Perin, dopo il post choc su Instagram le scuse. Malagò: Ha sbagliato

Il presidente del Coni: "Il ragazzo si è reso conto dell'errore e ha chiesto scusa"

Mattia Perin, portiere del Genoa

Dopo le frasi choc, ora le scuse. Mattia Perin già nella giornata di ieri aveva cancellato il suo post su Instagram e aveva pubblicato una spiegazione. Ma ormai nel Web le sue parole si erano sparse accendendo aspre critiche nei confronti dell'estremo difensore del Genoa. Ma cosa aveva scritto Perin? Incominciamo dall'inizio. Il portiere, nativo di Latina,  aveva risposto a un tifoso del Frosinone con una frase choc: " A Vallecorsa cambiò la storia, tuo nonno parla arabo...il mio fondò Littoria!". Il riferimento è alla cittadina, in provincia di Frosinone, dove alla fine del secondo conflitto mondiale, molte donne furono oggetto di violenza, da parte di alcuni reparti alleati composti da militare di origine marocchina.
Ai tifosi frusinati, che avrebbe quindi origine "araba", secondo l'attacco di Perin, il portiere contrappone le sue origini venete, facendo riferimento alle comunità veneto-pontine (delle quali facevano parte i suoi nonni) che hanno fondato la città di Littoria, ora Latina. 

Rievocare quella tragica vicenda, gli stupri (peraltro noti al grande pubblico perché trattati nel film "La Ciociara" di Vittorio De Sica), ha subito riversato una mole di commenti negativi alimentando la polemica contro il calciatore. Risultato? Post cancellato e scuse del portiere genoano che ha rievocato il clima teso nei rapporti con i tifosi del Frosinone:

"Chiedo scusa a tutte le persone che ho offeso con il mio commento totalmente fuori luogo e per il quale sono rammaricato. Ho fatto erroneamente riferimento a fatti storici che non conoscevo appieno in tutta la loro tragica gravità. In un periodo non semplice a livello professionale, non ho avuto la lucidità per evitare di reagire a una serie di continue e gravissime provocazioni rivolte a me e alla mia famiglia. Tutto questo, ovviamente, non costituisce un alibi perché so di aver sbagliato sotto ogni aspetto e me ne assumo la responsabilità. Il dispiacere è reso ancora maggiore in quanto il mio atteggiamento non rispecchia i valori in cui credo e che cerco di perseguire"

 

Chiedo scusa a tutte le persone che ho offeso con il mio commento totalmente fuori luogo e per il quale sono rammaricato. Ho fatto erroneamente riferimento a fatti storici che non conoscevo appieno in tutta la loro tragica gravità. In un periodo non semplice a livello professionale, non ho avuto la lucidità per evitare di reagire a una serie di continue e gravissime provocazioni rivolte a me e alla mia famiglia.Tutto questo, ovviamente, non costituisce un alibi perché so di aver sbagliato sotto ogni aspetto e me ne assumo la responsabilità. Il dispiacere è reso ancora maggiore in quanto il mio atteggiamento non rispecchia i valori in cui credo e che cerco di perseguire. Mattia Perin

Una foto pubblicata da Mattia Perin (@mattiaperin_freerider) in data:

Oggi Perin ha incassato le reazioni del presidente Coni Malagò.  "Le frasi di Perin? Il ragazzo ha sbagliato, questo è sicuro, ma da quanto ho capito si è subito reso conto dell'errore e ha chiesto scusa" ha detto il presidente del Coni commentando il messaggio scritto sui social network dal portiere del Genoa.  "Ne ho parlato prima con Damiano Tommasi (numero uno Aic, ndr) che penso sia la persona più indicata per dare risposte - aggiunge Malagò a margine del Consiglio Nazionale -  C'è qualcosa che mi è sfuggito, non ho capito bene perché questa cosa è arrivata, è stata fatta sparire subito ma è comunque andata prepotentemente sui media".
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Lazio - Torino

Gattuso: "Il Var leva i cattivi pensieri". Ma la Lazio non ci sta e grida al complotto

Biancocelesti scatenati dopo Lazio-Torino. Ma alla fine del primo tempo, Giacomelli poteva decidere diversamente

Chievo Verona - Roma

Serie A, Roma sbatte su muro Sorrentino: è 0-0 con il Chievo

E' il secondo pari esterno consecutivo per i capitolini: un'occasione che sa molto di sprecata.

Attesa per Juve-Inter, Allegri: "Sfida scudetto ma non decisiva"

Spalletti carica i suoi: "A Torino per fare più punti possibili"