Martedì 31 Maggio 2016 - 14:30

Per 'La pazza gioia' di Virzì 10 candidature ai Nastri d'Argento

A seguire, con 9 candidature, 'Lo chiamavano Jeeg Robot' e 'Suburra' con 7

Per 'La pazza gioia' di Virzì 10 candidature ai Nastri d'Argento

'La pazza gioia' di Paolo Virzì è il film col maggior numero di 

candidature, ben dieci,

ai Nastri d'Argento 2016. Lo seguono, candidato nelle opere prime, 'Lo chiamavano Jeeg Robot' di Gabriele Mainetti (9), 'Suburra' di Stefano Sollima (7), 'Per amor vostro' di Giuseppe Gaudino (6) e con 5 candidature ciascuno 'Alaska' di Claudio Cupellini e 'Perfetti sconosciuti' di Paolo Genovese (tra le migliori commedie, che aggiunge però alle nomination i 7 Nastri e il Premio Casting Director 2016, Barbara Giordani, già annunciati per il cast).

Quattro le candidature per 'Io e lei' di Maria Sole Tognazzi, 'Quo vado?' di Gennaro Nunziante e anche per 'Non essere cattivo', il 'film dell'anno' dei Giornalisti, al quale va comunque il Nastro già assegnato a Valerio Mastandrea e ai due attori protagonisti, Luca Marinelli e Alessandro Borghi, con una menzione collettiva alla produzione, alla sceneggiatura, alle attrici in rappresentanza di un set speciale anche per la capacità di sostenere insieme a Mastandrea il progetto del film sopravvissuto al suo autore, Claudio Caligari.

I Nastri sono nati nella primavera del 1946, l'anno in cui trionfò nella prima edizione del premio 'Roma città aperta' di Roberto Rossellini, con i Nastri al regista e ad Anna Magnani.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Oscar 2016

Morgan Freeman accusato di molestie da otto donne. Arrivano le scuse: "Non era mia intenzione"

Lo scandalo si allarga: avrebbe avuto comportamenti inadeguati sul set

Milano, arriva OFFSide: il festival cinematografico dedicato al calcio

La prima edizione italiana dell'evento dal 25 al 27 maggio presso la Fabbrica del Vapore

Cannes 2018, a Marcello Fonte il Premio come Miglior attore per “Dogman”

Trionfo dell'Italia a Cannes: vincono Rohrwacher e Fonte. La Palma d'oro è giapponesen

A "Shoplifters" il massimo riconoscimento del festival. "Dogman" vince la miglior interpretazione maschile, mentre "Lazzaro felice" la miglior sceneggiatura