Lunedì 31 Ottobre 2016 - 14:15

Pensionato decapitato in Liguria: confessa il nipote

L'uomo arrestato nei giorni scorsi, il delitto dopo un litigio su un sentiero

Pensionato decapitato in Liguria: confessa il nipote

Dopo 20 giorni, il caso dell'omicidio di Albano Crocco, pensionato il cui corpo era stato trovato decapitato nei boschi di Lumarzo, vicino a Chiavari, nell'entroterra ligure, è stato risolto. Il nipote dell'uomo, Claudio Borgarelli, arrestato la scorsa settimana, ha confessato il delitto al pubblico ministero. Il pensionato sarebbe stato ucciso al termine di una lite fra i due che verteva sull'utilizzo di un sentiero. Il nipote ha ucciso lo zio e poi lo ha decapitato. Crocco, che era uscito di casa in cerca di funghi, era stato trovato nella serata di quel giorno in un dirupo. 

Non vedendolo rientrare, come d'abitudine, per l'ora di pranzo, i familiari di Albano Crocco ne avevano denunciato la scomparsa temendo un infortunio; le ricerche hanno consentito il rinvenimento del corpo, decapitato, in un bosco non distante dall'abitazione dell'indagato. Le macabre condizioni in cui è stato ritrovato il cadavere, insieme al mancato ritrovamento della testa - nonostante le ricerche proseguite nei giorni seguenti in un'area molto vasta - hanno determinato l'avvio delle indagini che hanno fatto convergere l'attenzione sul nipote.  

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Nuvole, poi arriva il sole: il meteo del 22 e 23 gennaio

Le previsioni dell'Aeronautica militare

Torino, crollato un pezzo della scenografia della Turandot al Regio

Roma, preso in Spagna Pellegrinetti: latitante della Banda Magliana

Era ricercato d 15 anni. Condannato in via definitiva a 13 anni di carcere

Infortunio mortale sul lavoro all'azienda Elettrotecnica LG

Mafia, maxi blitz con 56 arresti. In manette anche un sindaco

Il pizzo veniva preteso dalle cooperative per la gestione degli immigrati richiedenti asilo

Nuova operazione Carabinieri palazzi Athena Zingonia

Mafia, parla nuovo pentito. Cinque arresti: c'è anche il figlio dell'autista di Riina

Per gli inquirenti è il nuovo "reggente" del mandamento di San Lorenzo ed è accusato di diverse estorsioni