Lunedì 16 Ottobre 2017 - 09:45

Pd, Veltroni: "Con Pisapia e Mdp si vince, serve umiltà e unità"

"Oggi siamo vicini alla possibilità di battere il centrodestra ma dobbiamo dialogare e includere"

Pd, Veltroni: "Con Pisapia e Mdp si vince, serve umiltà e unità"

"Se il Pd recuperasse il rapporto con Campo progressista di Pisapia e Mdp, si avvicinerebbe alla quota di maggioranza e supererebbe la quota del 20%". Ne è sicuro Walter Veltroni, ospite a 'Circo Massimo' su Radio Capital. "Oggi siamo vicini alla possibilità di battere il centrodestra ma richiede l'umiltà dell'unità". "Io - aggiunge - non rimpiango molto quelle coalizioni da Mastella alla sinistra. La vocazione maggioritaria non è essere così debole da allearsi con chi si sa che poi passerà dall'altra parte".

Veltroni, sollecitato dai conduttori, preferisce non commentare le parole di Matteo Renzi sugli scissionisti: "Basta parlare di chi se n'è andato, adesso c'è qualcosa di più importante a cui badare: costruire uno schieramento di centrosinistra per andare alle elezioni". "Serve l'umiltà dell'unità, ripeto, per cercare punti di convergenza".

Alla domanda sul perché questa convergenza del Pd con Articolo1-Mdp e Campo progressista non sia ancora avvenuta, Veltroni salomonico replica: "Servono capacità di inclusione e disponibilità al dialogo".

Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Elezioni, la nuova strategia di Berlusconi: sventolare cartelloni azzurri

E su ogni foglio slogan brevi con i punti della campagna elettorale

Direzione Nazionale del Partito Democratico

Inchiesta Napoli, De Luca contrattacca: "Siete squadristi e camorristi"

Il padre dell'assessore dimissionario di Salerno attacca tutti, da Di Maio a Grasso

Binni: "Massoni impresentabili? Discriminati. Da noi no candidati"

Non la manda a dire il gran maestro della Gran Loggia d'Italia degli A.L.A.M.

Paolo Gentiloni interviene alla manifestazione nazionale della lista “Insieme”

Rai, aumentano gli esentati dal canone over 75. Gentiloni: "Saranno 350mila"

"Il sostegno alle fasce più deboli della popolazione rappresenta un valore imprescindibile per il servizio pubblico radiotelevisivo", comunica la Rai in una nota