Sabato 10 Dicembre 2016 - 13:30

Speranza: Referendum è stato una lezione, ora serve discontinuità

Il leader della sinistra dem invita il partito a una seria riflessione

Pd, Speranza: Referendum? E' stata una lezione, ora serve discontinuità

"Se il Pd fa finta di non vedere la lezione arrivata dal voto del referendum si sconnetterà definitivamente dal suo popolo". Lo afferma il leader della sinistra Pd Roberto Speranza. "Oltre ad una legge elettorale - aggiunge Speranza - capace di superare le storture dell'Italicum, serve una svolta su alcune questioni sociali fondamentali. Dalla scuola al lavoro, dalla lotta alla povertà alla sanità, abbiamo bisogno di comprendere il messaggio inequivocabile arrivato dai cittadini e cambiare radicalmente rotta. Questo va accompagnato ad una più generale discontinuità nella quotidiana gestione del potere a cui siamo apparsi in questi mesi troppo direttamente legati".

"Si parla molto di totonomi per Palazzo Chigi e per il nuovo governo - prosegue Speranza - Se invece parlassimo del che fare?". "Cambiamo linea sulla scuola? Riapriamo un dialogo vero con insegnanti e studenti? Ci impegniamo a mettere mano ai voucher che hanno provocato una nuova inaccettabile precarietà? Ci interroghiamo sullo stato del mezzogiorno? Proviamo a capire il segnale durissimo arrivato dalle generazioni più giovani? Ecco. Vorrei che di questo si discutesse prima dei nomi. Altrimenti il messaggio - conclude - è che la lezione del 4 dicembre non la abbiamo proprio compresa"-

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Piazza Montecitorio - Manifestazione del M5S contro il Rosatellum

M5S, Morra: "Alleanze? Chi vuole combattere per nostro programma ben venga"

Il senatore commenta le parole di Beppe Grillo e ribadisce la linea di Di Maio, senza escludere dunque apporti esterni dopo il voto

Liliana Segre, reduce di Auschwitz

Chi è Liliana Segre, sopravvissuta all'Olocausto e nuova senatrice a vita

Vittima delle leggi razziali del fascismo, il 30 gennaio 1944 venne deportata con il padre in Germania e poi al campo di concentramento di Birkenau-Auschwitz

Porta a porta, ospiti Danilo Toninelli e Matteo Orfini

Pd, Orfini: "LeU? Evitiamo scenari confusi alla D'Alema. No larghe intese"

Per il presidente del Partito democratico Renzi è la prima scelta per palazzo Chigi, senza escluderne però altri. E l'obiettivo da raggiungere alle urne è il 25%

Milano, convegno "Fare pace è un'impresa"

Olocausto, Mattarella nomina Liliana Segre senatrice a vita

Sopravvissuta ai campi di concentramento, ha ricevuto la carica per il suo impegno nel campo sociale