Lunedì 03 Aprile 2017 - 10:45

Pd, Renzi: "68% è impressionante". Orlando doppiato, Emiliano 5%

I dati non sono ancora definitivi

Pd, Renzi esulta: "Il 68% è impressionate". Emiliano sopra il 5%

Matteo Renzi commenta su Twitter i risultati del congresso nei circoli, postando la foti di un post-it su cui scrive: "Congresso: 68%! Numeri impressionanti, viva la democrazia e grazie a tutti. Adesso al lavoro tutti insieme, avanti Matteo".

 

Un post condiviso da Matteo Renzi (@matteorenzi) in data:

Andrea Orlando sarebbe intorno al 30% mentre Michele Emiliano avrebbe superato la soglia minima del 5%. I dati non sono ancora definitivi. "Una premessa: con Michele siamo schierati soltanto dodici parlamentari", sottolinea Francesco Boccia del Pd in una intervista a Repubblica. "L'autonarrazione di Renzi che pensava di portare 300 mila persone a votare, è fallita: siamo sotto il 50%, questo dicono i nostri dati. Punto secondo, Matteo continua a fare disinformazione, ma Emiliano è ben sopra il 5%: insomma, non è l'ex segretario che è magnanimo e ci concede di superare quella soglia, è Emiliano che è sopra il 5%".
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Scuola, ministra Fedeli: "Portare l'obbligo scolastico a 18 anni"

Scuola, ministra Fedeli: "Portare l'obbligo scolastico a 18 anni"

"Si dovrebbe fare una rivisitazione complessiva dei cicli scolastici da un punto di vista della qualità"

Bormio, il comizio di Matteo Salvini

Ius soli, Lega contro Papa: Lo faccia in Vaticano

Il centrodestra, senza entrare nel merito, prende le distanze dalla legge, mentre la Lega è durissima

Paolo Gentiloni al Meeting di Rimini 2017

Terrorismo, Gentiloni: Nessuno salvo, non rinunceremo a libertà

All'indomani delle minacce Isis all'Italia, il premier e il ministro degli Affari Esteri parlano della sicurezza in Italia

Palazzo Chigi - Consiglio dei Ministri

Ius soli, Gentiloni riapre partita: Conquista di civiltà. Salvini: Follia

"Diventando cittadini italiani si acquisiscono diritti ma anche doveri", dice il premier. Durissima la risposa della destra