Lunedì 03 Aprile 2017 - 13:15

Pd, scontro sui risultati. Renzi al 68%: Riconoscete verità numeri

"Dove ci sono problemi riconosciuti è giusto che si intervenga con decisione invalidando il voto", scrive l'ex premier

Pd, polemica sui risultati nei circoli. Renzi al 68%: Riconoscere verità numeri

"Qualcuno dice che in qualche caso ci sono stati dei problemi e delle incongruenze: sono il primo a dire che dove ci sono problemi riconosciuti (ammesso che ci siano) è giusto che si intervenga con decisione invalidando il voto. Noi siamo i primi ad avere interesse che tutto sia trasparente: perché una vittoria così larga e così bella non sia sporcata dalle polemiche del giorno dopo". Lo scrive Matteo Renzi nella sua e-news. "Senza attaccare i nostri avversari interni perché noi non parliamo male degli altri: noi raccontiamo che idee abbiamo per il PD e per l'Italia", aggiunge Renzi.

Non ci sono ancora dati ufficiali dopo la conclusione del voto nei circoli Pd. Renzi ha annunciato di aver conquistato il 68% devi voti, doppiando Andrea Orlando dato tra il 30 e il 25%, Michele Emiliano avrebbe invece superato la soglia minima del 5%. 

Renzi sottolinea: "Chiediamo a tutti di riconoscere la verità dei numeri che non possono essere oscurati da nessuna polemica. Quando si vince, si vince. Quando si perde, si ammette. Punto". 

 

Loading the player...
Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Palazzo Chigi - Consiglio dei Ministri

Ius soli, Gentiloni riapre partita: Conquista di civiltà. Salvini: Follia

"Diventando cittadini italiani si acquisiscono diritti ma anche doveri", dice il premier. Durissima la risposa della destra

Ministero dell'Interno. Firma del "Patto nazionale per un Islam italiano"

Terrorismo, due marocchini e un siriano espulsi da Italia

Con questi rimpatri, 70 nel solo 2017, salgono a 202 i soggetti gravitanti in ambienti dell'estremismo religioso espulsi

L'Italia piange Bruno e Luca. Mattarella: "Lotta al terrore"

La politica si stringe nel dolore delle famiglie

Roberto Tamagna del Movimento 5 Stelle

Riforma costituzionale M5S: meno parlamentari e stop Cnel

Nel programma Cinquestelle ci sono la riduzione dell'indennità parlamentare e la limitazione dell'immunità penale