Mercoledì 05 Aprile 2017 - 15:15

Pd, Orlando: Con meno 2 mln votanti saremo bersaglio avversari

E fa un appello ai non iscritti: "Al popolo di centrosinistra, non ai dirigenti"

Pd, Orlando: Con meno 2 mln votanti saremo bersaglio avversari

"Io sono preoccupato che in questo momento da parte del Pd non ci sia una campagna per invitare ad andare a votare alle primarie. Se il 30 aprile andranno a votare 1 milione, 1,5 milioni di cittadini il Pd sarà oggetto di un bersagliamento concentrico di quelli che fanno notare che ha votato la metà dell'altra volta". Lo ha detto Andrea Orlando, ministro della Giustizia e candidato alla segreteria Pd, nel corso della presentazione del libro 'Insieme per un campo democratico e progressista' in corso alla Camera. "Il primum vivere per il Pd è avere almento 2 milioni" di votanti, altrimenti il giorno dopo non si discuterà di chi ha vinto ma di quanti sono andati a votare e questo non fa bene a nessuno", ha aggiunto.

Fa un appello affinché la voti anche a chi non è iscritto al Pd? "Assolutamente sì. Dobbiamo - spiega Orlando - usare le primarie come la richiesta di nuova fiducia nel Pd. L'appello non è ai gruppi dirigenti ma al popolo del centrosinistra". 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Palazzo Chigi - Consiglio dei Ministri

Ius soli, Gentiloni riapre partita: Conquista di civiltà. Salvini: Follia

"Diventando cittadini italiani si acquisiscono diritti ma anche doveri", dice il premier. Durissima la risposa della destra

Ministero dell'Interno. Firma del "Patto nazionale per un Islam italiano"

Terrorismo, due marocchini e un siriano espulsi da Italia

Con questi rimpatri, 70 nel solo 2017, salgono a 202 i soggetti gravitanti in ambienti dell'estremismo religioso espulsi

L'Italia piange Bruno e Luca. Mattarella: "Lotta al terrore"

La politica si stringe nel dolore delle famiglie

Roberto Tamagna del Movimento 5 Stelle

Riforma costituzionale M5S: meno parlamentari e stop Cnel

Nel programma Cinquestelle ci sono la riduzione dell'indennità parlamentare e la limitazione dell'immunità penale