Mercoledì 05 Aprile 2017 - 15:15

Pd, Orlando: Con meno 2 mln votanti saremo bersaglio avversari

E fa un appello ai non iscritti: "Al popolo di centrosinistra, non ai dirigenti"

Pd, Orlando: Con meno 2 mln votanti saremo bersaglio avversari

"Io sono preoccupato che in questo momento da parte del Pd non ci sia una campagna per invitare ad andare a votare alle primarie. Se il 30 aprile andranno a votare 1 milione, 1,5 milioni di cittadini il Pd sarà oggetto di un bersagliamento concentrico di quelli che fanno notare che ha votato la metà dell'altra volta". Lo ha detto Andrea Orlando, ministro della Giustizia e candidato alla segreteria Pd, nel corso della presentazione del libro 'Insieme per un campo democratico e progressista' in corso alla Camera. "Il primum vivere per il Pd è avere almento 2 milioni" di votanti, altrimenti il giorno dopo non si discuterà di chi ha vinto ma di quanti sono andati a votare e questo non fa bene a nessuno", ha aggiunto.

Fa un appello affinché la voti anche a chi non è iscritto al Pd? "Assolutamente sì. Dobbiamo - spiega Orlando - usare le primarie come la richiesta di nuova fiducia nel Pd. L'appello non è ai gruppi dirigenti ma al popolo del centrosinistra". 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Migranti soccorsi dalla nave Diciotti della Guardia Costiera italiana sbarcano a Pozzallo

Sbarcati a Pozzallo i 450 migranti. Sì da Spagna e Portogallo. Salvini: "Successo politico"

Oltre Germania, Francia e Malta anche i due paesi iberici prenderanno una quota di persone. Il "no" di Praga. Difficile gestire così i prossimi sbarchi

SPAIN-MIGRANTS-EU-PROACTIVA-OPEN-ARMS

Migranti, Open Arms al largo della Libia. Salvini: "In Italia non ci arrivano"

Un altro tira e molla tra l'Italia e una Ong, dopo la vicenda Lifeline di fine giugno

Presentazione del XVI Rapporto annuale dell’INPS

Dl dignità, governo contro Boeri. Lui ribatte: "I dati non si fanno intimidire"

Il ministro del Lavoro si era scagliato contro le lobby che avrebbero modificato la relazione tecnica sul decreto

Luigi Di Maio ospite di "In Onda"

Decreto dignità, Di Maio: "Relazione modificata da lobby". Mef smentisce

Il ministro del Lavoro contro il numero apparso nella relazione tecnica al decreto