Venerdì 03 Marzo 2017 - 10:45

Pd, Orfini: Ipotesi slittamento del congresso non esiste

Dello stesso parere il candidato alla segreteria e ministro della Giustizia Orlando

Pd, Orfini: Ipotesi slittamento congresso non esiste

L'ipotesi di far slittare il congresso e le primarie del Pd "non esiste". A dirlo senza mezzi termini è il presidente e reggente dem Matteo Orfini, contattato da LaPresse. Dello stesso parere il candidato alla segreteria Pd e ministro della Giustizia Andrea Orlando, che, intervenendo a RepTv, dice: "Mi sembra difficile ipotizzare un rinvio delle primarie". Orlando ribadisce poi di non aver "alcun interesse a speculare" sulle vicende di questi giorni e afferma di voler proporre "che le primarie siano disciplinate per legge. Andrebbe fatto un albo degli elettori". 

"C'è un problema di come non è stato costruito il partito", prosegue il Guardasigilli. "In molte realtà il nostro partito è diventato un votificio. Davvero la rottamazione ha cambiato una classe dirigente in giro per il Paese? Se leggiamo le cronache di questi giorni direi di no".  

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Scuola, ministra Fedeli: "Portare l'obbligo scolastico a 18 anni"

Scuola, ministra Fedeli: "Portare l'obbligo scolastico a 18 anni"

"Si dovrebbe fare una rivisitazione complessiva dei cicli scolastici da un punto di vista della qualità"

Bormio, il comizio di Matteo Salvini

Ius soli, Lega contro Papa: Lo faccia in Vaticano

Il centrodestra, senza entrare nel merito, prende le distanze dalla legge, mentre la Lega è durissima

Paolo Gentiloni al Meeting di Rimini 2017

Terrorismo, Gentiloni: Nessuno salvo, non rinunceremo a libertà

All'indomani delle minacce Isis all'Italia, il premier e il ministro degli Affari Esteri parlano della sicurezza in Italia

Palazzo Chigi - Consiglio dei Ministri

Ius soli, Gentiloni riapre partita: Conquista di civiltà. Salvini: Follia

"Diventando cittadini italiani si acquisiscono diritti ma anche doveri", dice il premier. Durissima la risposa della destra