Domenica 05 Febbraio 2017 - 13:00

Pd, Emiliano: Mi candido se serve, ma non lascio la Puglia

"Primarie senza congresso un'invenzione di Renzi"

Pd, Emiliano: Mi candido per necessità, se divento segretario non lascio Puglia

"Le primarie? Non ci tengo affatto. Se potessi evitare di potermi impegnare, sarebbe bene per tutti. Purtroppo, la gestione del Pd ci ha portato a rovinose sconfitte politiche. E' dovere di tutti gli iscritti fermare questa deriva". Parola del governatore pugliese in corsa per la segreteria del Pd, Michele Emiliano, che però precisa: "Non lascerei la guida della mia Regione Puglia. E' successo a Renzi di essere segretario e sindaco di Firenze". "Il congresso ha le sue regole, dico no a invenzioni in salsa renziana come una simulazione di primarie senza congresso. E' un processo che dura quattro mesi, non c'è motivo di cambiare le regole proprio adesso", ha incalzato Emiliano, "non devo piazzare nessun parlamentare - ha chiarito -, non ho squadre e complesse ingegnerie da sistemare, non ho disoccupati che rischiano di perdere l'unica fonte di finanziamento. Ora il segretario ha il potere di fare le liste. Ha un sacco di soldati e salmerie da collocare. Se vuole cominciare a cambiare il Pd, se veramente ha capito che non possiamo sostituire Forza Italia, dobbiamo far capire che noi stiamo da una certa parte".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Migranti, Saviano a Salvini: "Quanto piacere provi a vedere bimbi morire?". E lui lo querela

Lo scrittore risponde a un post del ministro dell'Interno su Facebook con la foto della donna morta in mare con il suo bambino

Commissione Vigilanza Rai. Eletto il Presidente Alberto Barachini

A Forza Italia la Vigilanza Rai: è Barachini il nuovo presidente

Al Copasir è stato invece eletto presidente Lorenzo Guerini, del Pd

Assemblea Nazionale del Partito Democratico

Commissioni, accordo chiuso: Guerini al Copasir, Barachini alla Vigilanza Rai

Dopo oltre due settimane di trattative, scontri, accuse e ricuciture, sembra essere finalmente giunto l'happy ending per le commissioni parlamentari di garanzia