Domenica 24 Gennaio 2016 - 17:45

Pazzini replica ad autogol Coppola, Verona-Genoa 1-1

Cerci debutta in maglia rossoblù

Hellas Verona - Genoa

Un punto a testa per Verona e Genoa. Finisce 1-1 al 'Bentegodi', ed è un risultato che di certo non può accontentare la squadra gialloblù ancora a caccia della prima vittoria. Il pari può, invece, andare bene a Gasperini per tenere a distanza la zona calda: prosegue la striscia positiva dei rossoblù, reduci da due successi consecutivi. Poche sorprese nelle due formazioni: 4-2-3-1 per Delneri, che si affida in avanti al trio formato da Wszolek, Ionita e Rebic a supporto dell'unica punta Pazzini. Tradizionale 3-4-3 per il Genoa, che conferma nel tridente offensivo Suso al fianco di Pavoletti e Perotti. Parte dalla panchina il neo acquisto Cerci.

Primo tempo vivace e giocato con grande intensità. Il Genoa spaventa subito i padroni di casa con un'acrobazia di Pavoletti sul traversone di Ansaldi, quindi sblocca il risultato al 19' con una punizione mancina di Suso con deviazione decisiva di Coppola. Immediata la reazione dei gialloblù, che sfiorano il pari con il tentativo al volo di Ionita sul cross del travolgente Wszolek. Non sbaglia, invece, Pazzini, a segno nel momento migliore dei rossoblù: Ionita vince il contrasto con De Maio e serve in mezzo l'ex Milan, che insacca a porta sguarnita per l'1-1 (40').

La squadra di Delneri inizia la ripresa con piglio aggressivo, a caccia della vittoria: prima Pazzini impegna Perin, poi Wszolek in contropiede supera Perin in uscita ma spreca tutto depositando sull'esterno della rete. Gasperini cerca vivacità in attacco e regala il debutto a Cerci: fuori Suso. Alla mezz'ora ancora Perin salva il Grifone opponendosi alla grande sul sinistro dal limite di Juanito Gomez. I gialloblù ci provano fino alla fine: in pieno recupero Ionita tenta il sinistro dalla distanza, senza esito, quindi Perin blinda il risultato rispondendo d'istinto con il pugno al mancino da fuori di Siligardi. L'Hellas sempre fanalino di coda muove la classifica salendo a quota 10, il Genoa raggiunge quota 23.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Roma2024, Malagò: Atleti chiedono domani a Cinque Cerchi, no pregiudizi

Roma 2024, Malagò: Atleti chiedono domani a Cinque Cerchi

"Solo una cosa può pregiudicare un sogno, la paura di fallire"

Juventus, Allegri: Ora manteniamo questa concentrazione e fame

Juventus, Allegri: Ora manteniamo questa concentrazione e fame

La soddisfazione del tecnico bianconero dopo il poker contro la Dinamo Zagabria

La gaffe della Fifa: 'Buon compleanno Fernando Totti'

La gaffe della Fifa: 'Buon compleanno Fernando Totti'

Dall'account Twitter arrivano le scuse ma ormai il 'danno social' è fatto

Totti: Non ho mai cacciato un allenatore, sono sempre stato coerente

Totti: Mai cacciato un allenatore, io sempre coerente

"I tanti auguri da tutto il Mondo? Vuol dire che qualcosa di buono ho fatto"