Venerdì 03 Novembre 2017 - 16:00

Paz De La Huerta: "Weinstein mi stuprò due volte nel 2010". Il produttore rischia l'arresto

La star di "Boardwalk Empire" ha raccontato episodi risalenti a sette anni fa, pertanto non ancora prescritti

L'attrice Paz de la Huerta accusa  Harvey Weinstein di molestie e violenze sessuali

Si aggrava la posizione di Harvey Weinstein. L'ultima ad accusarlo di violenza sessuale è Paz De la Huerta, ex stella della serie tv "Boardwalk Empire", che ha raccontato di essere stata stuprata dal produttore americano due volte nel 2010. Ma il suo caso, successivo al 2006, non è prescritto. Il detective, che si sta occupando del caso, sostiene che la testimonianza dell'attrice, insieme a quella di altre donne, sarebbe sufficiente per procedere all'arresto del produttore. Lui però continua a negare tutto.
 

Come riporta "Vanity Fair", le violenze sarebbero avvenute sette anni fa, nell'autunno del 2010. L'attrice nel 2014 raccontò tutto a una giornalista, che registrò la conversazione ma poi su richiesta dell'attrice non la pubblicò. Ora quella registrazione è finita nelle mani della polizia. 

Proprio per l'esperienza vissuta con il produttore l'attrice

sarebbe poi caduta in depressione

, con conseguenti problemi con l'alcol e licenziata dalla HBO.

Il reato di stupro non sarebbe caduto in prescrizione e gli investigatori sono certi di avere elementi sufficienti per poter procedere all'arresto

dell'ex patron della Miramax.

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Bollywood piange una stella: morta a 54 anni Sridevi Kapoor

Stroncata da un attacco cardiaco durante il matrimonio del nipote

GERMANY-BERLINALE-FILM-FESTIVAL

'Touch me not' della regista romena Adina Pintilie vince l'Orso d'Oro 2018 a Berlino

La Berlinale parla al femminile. L'Italia, in gara con 'Figlia mia' di Laura Bispuri, con protagoniste Valeria Golino e Alba Rohrwacher, resta delusa

Londra, premiere del film Black Panther prodotto da Marvel

Romics, Martin Freeman ospite d'onore: sarà il primo attore a ricevere il premio alla carriera

L'interprete è noto soprattutto per i ruoli del Dottor Watson nella serie britannica "Sherlock" e di Bilbo Baggins nella trilogia di "Lo Hobbit"

Photocall del film A casa tutti bene

Gabriele Muccino trionfa al box office: "Il pubblico vuole emozioni"

"A casa tutti bene" supera "Cinquanta sfumature di rosso"