Martedì 01 Agosto 2017 - 10:45

Madre e figlio sequestrati e abusati per intascarsi pensioni

Per anni sono state costrette a vivere in un garage privo dei servizi igienici

Avevano segregato in garage madre e figlio di 78 e 37 anni, per vivere grazie alle loro pensioni. I carabinieri hanno arrestato due persone a Cozzo (Pavia) con l'accusa di maltrattamenti in famiglia, sequestro di persona, riduzione in schiavitù, circonvenzione di incapace e abbandono di persona incapace. Gli autori delle sevizie sono, LM. E., nato nel 1964, fratellastro del 37enne, e S. T., nata nel 1979, una coppia. Nel corso dell'indagine coordinata e diretta dal sostituto Procuratore di Pavia, Roberto Valli, i carabinieri hanno verificato una serie di episodi di maltrattamenti fisici e psicologici, di minacce e percosse.

Le vittime erano state costrette a vivere recluse in un garage di 42 metri quadrati, utilizzato come rimessa degli attrezzi. Un locale, attiguo all'abitazione degli aguzzini, poco illuminato e areato e privo dei servizi igienici. Le due vittime erano costrette ad espletare i bisogni in secchi oppure in giardino e a pulire loro stessi il terreno che sporcavano. Per lavarsi, anche se in modo molto sommario, utilizzavano un tubo dell'acqua e non avevano a disposizione altri indumenti oltre a quelli indossati. Le vittime mangiavano soltanto una volta al giorno, alla sera, e vivevano in un clima di terrore per la paura di subire percosse

Nel pomeriggio di ieri i militari hanno fatto irruzione nel garage, trovando madre e figlio che dormivano su due lettini in plastica da piscina con a fianco coperte e lenzuola, mobiletti e contenitori utilizzati come wc. I prigionieri erano tenuti sotto controllo grazie a un impianto di videosorveglianza. I carabinieri hanno sequestrato l'intero stabile. L'anziana e il figlio sono stati trasportati all'ospedale di Vigevano per le prime cure e gli accertamenti dello stato di salute mentre gli arrestati sono stati portati nelle carceri di Pavia e Vigevano a disposizione dell'Autorità Giudiziaria. Sono in corso una serie di accertamenti per chiarire come la riduzione in schiavitù dei due, iniziata da quando, anni fa, il nucleo familiare si trasferì a Cozzo, un paese di circa 370 abitanti, non sia stata notata e segnalata immediatamente dai vicini. I militari non escludono l'ipotesi di denunciare per favoreggiamento chi sapeva e non ha mai parlato.

Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Barcellona, tra le vittime Bruno Gullotta di Legnano: aveva 35 anni

Barcellona, Bruno Gulotta aveva 35 anni: travolto davanti ai bimbi

Era in vacanza con la famiglia ed era responsabile del marketing e delle vendite di Tom's Hardware Italia

Ubriaco e al cellulare tampona e uccide giovane: arrestato

Ubriaco e al cellulare tampona e uccide giovane: arrestato VIDEO

La patente gli era già stata ritirata per guida in stato di ebbrezza. La pm ha chiesto la custodia cautelare in carcere

Incendio Ditta smaltimento rifiuti

Pompiere piromane appiccava roghi per intervenire per primo

Dopo il caso a Ragusa, un nuovo arresto a Pavia per incendio doloso e truffa aggravata. Accertamenti ancora in corso

Milano, la messa per il cardinale Tettamanzi celebrata in Duomo

Tettamanzi, migliaia di fedeli in Duomo per i funerali

Ultimo saluto all'ex arcivescovo di Milano scomparso a 83 anni