Mercoledì 06 Settembre 2017 - 12:00

Pavia, incendio in ditta rifiuti speciali: allarme diossina

"Tenete chiuse le finestre", dice il sindaco. E' successo nello stabilimento 'Eredi Berte' dove sono all'opera i vigili del fuoco

Pavia, incendio in ditta rifiuti speciali a Mortara: allarme diossina per i residenti

Un forte incendio è divampato questa mattina alle 6.30 in una ditta di rifiuti speciali a Mortara. La colonna di fumo è visibile a chilometri di distanza. Nello stabilimento 'Eredi Berte' sono all'opera i vigili del fuoco per provare a domare le fiamme. "A seguito dell'incendio sviluppatosi questa mattina, i tecnici ATS consigliano in forma precauzionale di tenere le finestre chiuse, in modo particolare i residenti nei pressi del sinistro", ha avvertito il sindaco di Marco Facchinotti. "Sempre a titolo precauzionale si consiglia di evitare raccolta di prodotti dell'orto, in attesa dei risultati delle analisi della qualità dell'aria da parte di ARPA".

Mentre i vigili del fuoco di Mortara lottano per domare le fiamme nello stabilimento 'Eredi Bertè', sul posto sono in corso accertamenti da parte di Ats e Arpa per verificare la possibile presenza di diossina. "Attendiamo notizie, sul posto sono presenti i tecnici con i sindaci della zona", spiegano dalla Prefettura di Pavia. Sul posto sono intervenuti 12 mezzi dei vigili del fuoco di Pavia e dei comandi limitrofi, con oltre 25 uomini sul campo. "L'incendio è ora sotto controllo, ma ci vorrà ancora molto per spegnere del tutto le fiamme. L'opera di smassamento, infatti, ci terrà impegnati almeno fino a stanotte e probabilmente anche domani", spiega Danilo Pilotti, comandante provinciale dei vigili del fuoco di Pavia.

Riguardo ai materiali che stanno bruciando, il comandante precisa che "si tratta soprattutto di scarti di lavorazione misti: pezzi di plastica, legno, gomma e ferro residui di varie attività artigianali. Ci sono poi rifiuti ingombranti come divani e materassi. Non abbiamo notizia che ci siano sostanze particolarmente pericolose". Sul timore di dispersione di diossina nell'aria, il comandante spiega: "Non si può escludere con certezza dal momento che sta bruciando plastica, anche se non si tratta di grossi quantitativi". 

I tecnici del Centro regionale monitoraggio qualità dell'aria di Arpa hanno installato un campionatore ad alto volume per valutazione della contaminazione atmosferica nella zona di Parona e nel frattempo si tengono sotto controllo anche i dati rilevati dalle centraline fisse di Mortara, Vigevano e Parona. Sul posto sono presenti, oltre ai Vigili del Fuoco, diversi operatori delle forze dell'ordine, il vicario prefettizio, i carabinieri, i sindaci di Mortara, Albonese e Parona e sono stati allertati anche i sindaci dei comuni vicini (Olevano, Cilavegna, Gravellona Lomellina e anche in territorio piemontese Vespolate e Tornaco). Il servizio meteo di Arpa riferisce che il vento soffia da S-S-O in direzione N-N-E e tendenzialmente non cambierà direzione nel corso della giornata, il fumo va in direzione dell'abitato di Mortara. 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Visita del presidente Mattarella a  Mantova

Mantova, favori sessuali in cambio di fondi: indagato il sindaco

Mattia Palazzi, Pd, finito nell'indagine della procura, si difende: "Mai chiesto nulla a nessuno in cambio di una collaborazione con il Comune"

Amazon - Sciopero dei lavoratori del magazzino di Castel San Giovanni

"Oggi il pacco è per Amazon", scioperano i dipendenti di Piacenza durante il Black Friday

La protesta dei lavoratori per chiedere un migliore trattamento economico

Ostia, aggressione a giornalista: Roberto Spada fermato e poi trasferito in carcere

Ostia, resta in carcere Roberto Spada: rigettato il ricorso della difesa

Lo scorso 7 novembre aveva aggredito il giornalista Rai durante un'intervista

Igor il Russo è ancora ricercato, cinque indagati per il favoreggiamento del killer di Budrio

Proseguono le indagini per trovare l'uomo autore di due omicidi avvenuti otto mesi fa nel Ferrarese. Sono spuntati i nomi di alcune persone che lo avrebbero aiutato durante la fuga