Sabato 13 Gennaio 2018 - 20:15

Paura alle Hawaii: "Missile in arrivo". Ma era un falso allarme

"Cercate rifugio immediato. Questa non è un'esercitazione", il testo del messaggio. Poi la smentita

Attimi di paura alle Hawaii dove gli abitanti hanno ricevuto un messaggio di allarme che li avvertiva dell'arrivo imminente di un missile balistico e chiedeva loro di mettersi al riparo. Per fortuna si è trattato di un errore e la minaccia è stata immediatamente smentita dalle autorità. "Minaccia di missile balistico diretto alle Hawaii. Cercate rifugio immediato. Questa non è un'esercitazione", è il testo del messaggio, tutto in stampatello maiuscolo, che gli hawaiiani hanno ricevuto sui loro telefoni. Il dipartimento di polizia di Honolulu ha poi twittato: "Il Punto allarmi statale ha diffuso un'allerta missili per errore! Non c'è minaccia nello Stato delle Hawaii!".

 

 

Loading the player...

In tweet separati, inoltre, il governatore delle Hawaii David Ige e l'agenzia locale di gestione delle emergenze hanno entrambi rassicurato sul fatto che lo Stato non era minacciato da alcun missile balistico, nel contesto internazionale teso a causa delle minacce da parte del regime nordcoreano. In corso un incontro per chiarire le cause dell'accaduto.

 

 

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Papa Francesco a Puerto Maldonado per abbracciare gli indigeni

Il Papa contro la cultura machista: "Donne schiave di violenza senza fine"

Nell'incontro con gli indigeni del Perù Bergoglio denuncia una situazione non più tollerabile

Papa Francesco incontra i Popoli Amazzonia nel Coliseo in Perù

Papa dagli Indios in Perù: "Lotto con voi per salvare l'Amazzonia"

Francesco continua il suo viaggio in Sudamerica e incontra i nativi

Trump interviene via video alla marcia anti-aborto a Washington: è la prima volta

Si tratta della prima apparizione pubblica di un presidente alla manifestazione: Reagan e George W. Bush si erano collegati con il corteo ma solo per telefono

Isis, ucciso in Siria il rapper jihadista tedesco Deso Dogg

Nel 2014 la traduttrice dell'Fbi incaricata di controllarlo lo aveva raggiunto nel Paese per sposarlo