Domenica 05 Marzo 2017 - 15:00

Pattinaggio, Carolina Kostner regina d'Islanda

L'atleta azzurra chiude al primo posto ai Nordics Open di Reykjavík

Figure Skating - ISU European Championships 2017 - Ladies Short Program

Carolina Kostner chiude al primo posto ai Nordics Open di Reykjavík, in Islanda, confermando con un ottimo libero la leadership guadagnata ieri dopo il programma corto. La campionessa azzurra ha firmato un secondo segmento da 139.42 punti (65.21 di valutazione tecnica e 75.21 per i components) che le vale un punteggio finale di 204.27, premio logico per la miglior performance vista oggi sul ghiaccio della Egilshöll Ice Arena. La gardenese delle Fiamme Azzurre - unica capace nella rassegna islandese di superare quota 200 - ha così chiuso al comando, lasciandosi alle spalle la russa Tuktamysheva (178.13) e la svedese Anita Ostlund (155.23). Dimostrazione questa, una volta di più, di un ottimo stato di forma che lascia ben sperare in vista dei Mondiali di Helsinki in programma a fine mese.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

ITA, FIS Weltcup Ski Alpin, Cortina d Ampezzo

Ancora un trionfo per Super Goggia: vince la discesa di Cortina davanti a Vonn

Un'altra grande prestazione per la bergamasca, dopo la vittoria di Bad Kleinkirchheim. In terza posizione Shiffrin

Corea del Sud e del Nord si incontrano per i Giochi olimpici 2018 - Seoul

Accordo fatto: le Coree sfileranno insieme ai Giochi Olimpici

Accordo fatto a Panmunjom: gli atleti del Nord e del Sud si mischieranno nella cerimonia inaugurale

Sci, discesa libera di Coppa del Mondo a Bad Kleinkirchheim

Festa Brignone: "Noi discesiste felici su quel podio. Ma ai Giochi sarà questione di testa"

Intervista a LaPresse dopo il trionfo austriaco con Goggia e Fanchini. "Sicurezza? L'unica certezza è che siamo in forma. Poi, ogni gara è una storia a sé"

Short track, sci e fondo: l'Italia sorride guardando ai Giochi

Un weekend indimenticabile per gli azzurri degli sport invernali. E ora la strada che porta a Pyeongchang appare tutta in discesa