Martedì 18 Ottobre 2016 - 18:30

Parla Carla, data alle fiamme dal fidanzato: Ho fatto 20 operazioni

Per l'uomo i pm hanno chiesto 15 anni per tentato omicidio

Parla Carla, data alle fiamme dal fidanzato: Ho fatto 20 operazioni

"Ormai ho già fatto 20 operazioni": queste le prime parole a 'Pomeriggio 5' di Carla Caiazzo, la donna di Pozzuoli data alle fiamme dal fidanzato Paolo lo scorso primo febbraio. L'uomo adesso si trova nel carcere di Poggioreale e dopo aver scelto il rito abbreviato, i pm, per lui, hanno chiesto 15 anni per tentato omicidio.

Carla era incinta al momento del fatto, ma fortunatamente sono riusciti a farla nascere e "cresce bene ed è serena" sottolinea Carla che prosegue: "L'ho chiamta Giulia Pia perché sono molto credente in Padre Pio. Non l'ho potuto veder subito anche perché sono uscita dal coma dopo 3 settimane, ma appena l'ho vista mi ha dato tanto energia. Un giorno spero di riuscire a rimuovere completamente quanto mi è successo, perché la mia vita è cambiata completamente. Mi fa piacere comunque vedere tutta questa vicinanza da parte degli italiani".

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Milano, Infortunio sul lavoro a Palazzo Reale

Teramo, morta una donna di 48 anni: è precipitata da belvedere di Campli

Il volo da un'altezza di circa 10 metri. Per lei non c'è stato niente da fare

Pioggia in Piazza Duomo

Meteo, perturbazioni al Nord con rischio di forti temporali

Solo a metà settimana la situazione andrà migliorando con una prevalenza di tempo buono e con temperature di nuovo in rialzo

TOPSHOT-SPAIN-MIGRANTS-EU-PROACTIVA-OPEN-ARMS

Migranti, anche la Germania ne accoglierà 50. Ma Praga attacca: "Richiesta di Roma è via per l'inferno"

Conte: "Solidarietà Ue sta diventando realtà". Spagna all'attacco: "Con linea dura dell'Italia si rischia disintegrazione Unione"

Presentazione Mediafriends Cup

E' morto il dottor Franco Mandelli: il presidente dell'Ail aveva 87 anni

Professore emerito di ematologia alla Sapienza di Roma, aveva dedicato la sua vita allo studio delle leucemie