Venerdì 09 Settembre 2016 - 12:30

Parigi, le tre donne arrestate volevano attaccare la stazione

Una ha giurato fedeltà all'Isis

Parigi, le tre donne arrestate volevano attaccare la stazione. Una giurò fedeltà all'Isis

Progettavano di attaccare la Gare de Lyon di Parigi. Questo il sospetto degli inquirenti nei confronti delle tre donne radicalizzate arrestate a Boussy-Saint-Antoine, a sud della capitale francese, dopo il ritrovamento di una Peugeot 607 piena di bombole di gas vicino alla cattedrale di Notre Dame nella notte fra sabato e domenica. Perquisendo le tre donne - di 39, 23 e 19 anni -, gli agenti hanno scoperto che erano tutte armate di coltelli. È emerso inoltre che la principale sospettata, la 19enne figlia del proprietario della Peugeot 607 che al momento dell'arresto ha aggredito con un coltello un poliziotto venendo ferita a sua volta dagli altri agenti, aveva giurato fedeltà allo Stato islamico. La Francia, e in particolare Parigi, ripiombano nel terrore, dopo i ripetuti attacchi subiti in questi mesi da parte del fondamentalismo jihadista, dagli attentati nella capitale a quello di Nizza.

Loading the player...
Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Princess of Asturias Awards 2017 in Oviedo

Catalogna, re Felipe: "È e sarà parte Spagna, secessione inaccettabile"

Un nuovo messaggio del monarca alla vigilia dell'applicazione dell'articolo 155 da parte del governo Rajoy

Afghanistan, ancora un attacco suicida nei pressi di una moschea sciita

Afghanistan, attacchi kamikaze in due moschee: 50 morti

Le diverse esplosioni sono avvenute mentre i fedeli si raccoglievano per la preghiera

Obama in supporto del candidato democratico Northon in Virginia

Usa, il ritorno di Obama in politica. E Bush gli fa eco (contro Trump)

Un passo molto atteso dai sostenitori dell'ex presidente

Corea del Nord, Kim Jong Un presenzia al lancio di un missile Hwasong-12

Nord Corea insiste sul nucleare: "È questione di vita o di morte"

Il direttore generale del dipartimento Nord America del ministero degli Esteri: "Risponderemo al fuoco con il fuoco"