Lunedì 05 Settembre 2016 - 16:30

Parigi, il 13 novembre c'erano altri obiettivi oltre Francia

Tra gli altri bersagli anche Regno Unito e Olanda

Parigi, il 13 novembre c'erano altri obiettivi oltre Francia

Clamorosa indiscrezione riguardo gli attacchi jihadisti del 13 novembre a Parigi, che colpirono lo Stade de France, diversi caffè e il Bataclan. Secondo la Cnn gli attentati facevano parte dei piani dello Stato islamico che prevedevano molti più obiettivi in Europa, tra cui Olanda e Regno Unito.

Dai documenti in mano alla Cnn, spuntano inoltre i nomi di due sospetti militanti dello Stato islamico, il cittadino algerino Adel Haddadi e il pachistano Muhammad Usman, arrivati in Austria dalla Turchia. I due facevano parte del commando che doveva farsi esplodere allo Stade de France di Parigi quel 13 novembre del 2015 insieme a Ahmad al-Mohammad e Mohamad al-Mahmod, identificati poi come gli attentatori di quella notte. Ma Haddadi e Usman arrivarono in Austria il 14 novembre, in ritardo sui piani.

Dai documenti, emerge che la loro missione era stata organizzata da un leader dell'Isis, conosciuto solo come Abu Ahmad, che come un 'burattinaio da lontano' avrebbe gestito la logistica dei viaggi. Ahmad avrebbe infatti collegato i due con i contrabbandieri e le auto per il trasporto dalla Siria alla Turchia fino all'Austria, fornendo loro telefoni cellulari e falsi passaporti.

"Abu Ahmad ... è la chiave per l'invio di quegli individui, almeno gli stranieri, a Parigi", ha spiegato Jean-Charles Brisard, presidente e presidente del Centro francese per la analisi del terrorismo, che ha esaminato i documenti per la Cnn. "Ahmad è colui che li ha reclutati, che li ha finanziati, che li ha addestrati", ha aggiunto Brisard.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

FILE PHOTO: Former Panamanian dictator Noriega taking part in a news conference in Panama City

Panama, morto ex dittatore Noriega: aveva 83 anni

Era stato ricoverato in condizioni critiche lo scorso sette marzo

Prime Minister Theresa May appears on a joint Channel 4 and Sky News general election programme recorded at Sky studios in Osterley, west London

Regno Unito, dibattito tv tra May e Corbyn: scintille sulla Brexit

Il leader laburista cavalca il vantaggio nei sondaggi in vista del voto dell'8 giugno

Siria, Macron: Se usate arme chimiche risposta sarà immediata

Siria, Macron a Putin: Uso di armi chimiche avrà risposta immediata

Oggi il vertice con il presidente russo a Versailles

Tempesta a Mosca: almeno sei morti e quaranta feriti

Tempesta a Mosca: almeno sei morti e quaranta feriti

Cinque persone sono state uccise dalla caduta di alberi