Mercoledì 13 Gennaio 2016 - 10:30

Parigi, identificate in Belgio 3 case usate per preparare attacchi

In quello di Charleroi hanno rilevato impronte di Hadfi e Abdelhamid Abaaoud

Bruxelles sotto controllo dalla polizia

Due appartamenti e una casa sono stati usati in Belgio per preparare gli attentati del 13 novembre a Parigi. La procura federale di Bruxelles ha fatto sapere in una nota che gli attentatori avevano affittato un appartamento nella capitale, un altro a Charleroi e una casa ad Auvelais. Tutte erano state affittate per un anno, utilizzando false identità e pagando in contanti. Gli investigatori, spiega la procura, nell'appartamento a Bruxelles hanno trovato tracce di Dna di uno degli assalitori, Bilal Hadfi, che si è fatto esplodere nella capitale francese.

In quello di Charleroi hanno rilevato impronte di Hadfi e Abdelhamid Abaaoud, ucciso dopo un raid a Saint Denis vicino a Parigi, il 18 novembre. Inoltre, gli investigatori hanno stabilito che la Seat Leon usata per gli attacchi si era fermata vicino alle case di Charleroi e Auvelais, mentre una Bmw noleggiata da un sospetto si era fermata vicino a tutte tre le abitazioni.

Fonte Reuters - Traduzione LaPresse

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Sede Ema, oggi il verdetto

Agenzia del farmaco, il sorteggio decide per Amsterdam

La terza votazione è finita 13 a 13. Milano sfortunata nell'estrazione. Vola via un indotto da 1,7 miliardi all'anno. Gentiloni: "Che beffa!"

Cavo dell'iPhone danneggiato: muore folgorata 14enne vietnamita

Le Thi Xoan è deceduta durante la notte, col telefono attaccato alla presa

Ema, attesa per la scelta della sede: Milano spera, Bratislava favorita

L'Unione europea si prepara a designare le città che ospiteranno l'Agenzia europea del farmaco e l'Autorità bancaria europea

Golpe in Zimbabwe: il presidente Mugabe nelle mani dell'esercito

Zimbabwe, Cnn: Mugabe accetta di dimettersi, immunità per lui e moglie

Il presidente ha deciso di lasciare e ha già scritto la lettera