Domenica 28 Febbraio 2016 - 11:15

Parigi, arrestato in Algeria 29enne legato ad attacchi

Si sospetta che Zahir Mehdaoui avesse contatti con Abdelhamid Abaaoud, mente degli attentati

Il teatro Bataclan, sede del principale attacco

Zahir Mehdaoui, un algerino di 29 anni residente in Belgio con stretti contatti con Abdelhamid Abaaoud, la mente degli attacchi del 13 novembre a Parigi, è stato arrestato in Algeria. Lo riporta Le Figaro spiegando che l'uomo è stato fermato ad Akbou, nel dipartimento di Béjaia. Mehdaoui, riporta l'agenzia di stampa locale Aps, è sospettato di "avere legami con gli attentati terroristici di Parigi di novembre".
L'uomo, riporta le Figaro, è stato arrestato dopo le indagini su un suo possibile coinvolgimento nel terrorismo e la sua possibile appartenenza a un gruppo terroristico presente all'estero. In questo senso, Mehdaoui, avrebbe avuto stretti legami con Abdelhamid Abaaoud, considerato la mente degli attentati di Parigi, ucciso nel blitz a Saint Denis pochi giorni dopo la strage.
Secondo il quotidiano Le Soir d'Algerie, il ragazzo avrebbe lasciato l'Algeria nel 2012 per spostarsi in Turchia e poi in Grecia prima di arrivare a Bruxelles, dove ha sposato una cittadina belga nel 2014.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Princess of Asturias Awards 2017 in Oviedo

Catalogna, re Felipe: "È e sarà parte Spagna, secessione inaccettabile"

Un nuovo messaggio del monarca alla vigilia dell'applicazione dell'articolo 155 da parte del governo Rajoy

Afghanistan, ancora un attacco suicida nei pressi di una moschea sciita

Afghanistan, attacchi kamikaze in due moschee: 50 morti

Le diverse esplosioni sono avvenute mentre i fedeli si raccoglievano per la preghiera

Obama in supporto del candidato democratico Northon in Virginia

Usa, il ritorno di Obama in politica. E Bush gli fa eco (contro Trump)

Un passo molto atteso dai sostenitori dell'ex presidente

Corea del Nord, Kim Jong Un presenzia al lancio di un missile Hwasong-12

Nord Corea insiste sul nucleare: "È questione di vita o di morte"

Il direttore generale del dipartimento Nord America del ministero degli Esteri: "Risponderemo al fuoco con il fuoco"