Sabato 28 Novembre 2015 - 14:00

Pareggio tra Como e Bari: 1-1

Entrambe le reti durante la ripresa

Il barese Romizi in azione

 Finisce 1-1 tra Como e Bari in un match valido per il 15/o turno di Serie B. Al Sinigaglia succede tutto nella ripresa: apre Ganz al 54', replica De Luca al 70'. Pugliesi terzi a 29 punti, lariani sempre ultimi con sole nove lunghezze. Nelle formazioni iniziali Festa lancia il tridente Ebagua-Ganz-Ambrosini, mentre Nicola risponde con un 4-3-3 dove Maniero è supportato da Rosina e De Luca. Nei primi minuti nessuna occasione da gol, in una gara nervosa: al 30' Como pericolo con Giosa, che calcia a lato. Al 39' si sveglia il bari con De Luca (tiro da lontano largo) , mentre al 45' Scuffet blocca un colpo di testa centrale di Maniero.

Nella ripresa esulta Ganz, al 54' , insaccando un cross di Jakimovsky. Nel Bari entra Boateng, ma al 63' Jakimovsky spreca l'occasione per il raddoppio. Senza preavviso arriva il pari pugliese a venti dal termine con De Luca che sfrutta un errore di Scuffet. E all'80 il Bari potrebbe trovare i tre punti, ma Maniero segna in offside dopo una bomba di Boateng murata dal portiere lariano.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Giro d’Italia U23: a Rubio la quinta tappa. Williams indossa la maglia rosa

Il colombiano chiude davanti al nuovo leader della generale e al kazako Natarov. Lontani gli italiani: Caiati, il migliore, è sedicesimo. Mercoledì la sesta giornata su LaPresse dalle 17:00

ENG, UEFA CL, Manchester City vs FC Liverpool

Da Guardiola 150mila euro per riparare la nave di Proactiva Open Arms

Un gesto importante per sostenere la ong catalana che si occupa di primo soccorso e salvataggi in mare

Calcio a 5, finali scudetto: l'Acqua&Sapone è campione d'Italia

Per gli abruzzesi è il primo tricolore. Battuta, dopo cinque partite e una serie intensissima, la Luparense detentrice del titolo. Sesto scudetto per Edgar Bertoni, che raggiunge Humberto Honorio, capitano dei veneti

Astori, secondo la nuova perizia il giocatore non è morto nel sonno, è stata 'tachiaritmia'

Forse il capitano della Fiorentina si sarebbe salvato se avesse condiviso la camera con qualcuno che poteva dare l'allarme