Sabato 06 Febbraio 2016 - 20:00

Pareggio senza reti al Curi tra Perugia e Spezia

Gli umbri salgono a quota 34 punti a ridosso della zona playoff, a braccetto con lo Spezia

Perugia - Spezia

 Pareggio senza reti al Curi tra Perugia e Spezia in un match valido per la 25/a giornata di Serie B. Gara segnata dall'espulsione di Pulzetti tra i liguri al 47'. Nelle formazioni iniziali Bisoli schiera un timido 3-5-1-1 con Guberti a supporto di Bianchi; Di Carlo replica con il suo 4-3-3 dove Calaiò è supportato da Piccolo e Situm.

Nei primi minuti ci prova Guberti da lontano, mentre all'8 Del Prete calcia a lato dopo un'ottima sponda di Bianchi. Al 16' Rosati blocca in tuffo l'incornata del mobile Calaiò: prova le incursioni anche Prcic, ma Postigo fa valere le maniere forti. Al 47' fuori Pulzetti, per un duro intervento su Molina.

Nella ripresa Bianchi tenta di far salire la squadra, mentre al 54' Piccolo ci prova col mancino dal limite. Il Perugia prova a far valere la superiorità numerica anche con l'ingresso di Ardemagni, che non sfrutta una buona occasione a metà ripresa. Nel finale cross di Sciaudone verso Situm, ma il suo piattone viene bloccato da Rosati. Finisce 0-0: gli umbri salgono a quota 34 punti a ridosso della zona playoff, a braccetto con lo Spezia.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Roma2024, Malagò: Atleti chiedono domani a Cinque Cerchi, no pregiudizi

Roma 2024, Malagò: Atleti chiedono domani a Cinque Cerchi

"Solo una cosa può pregiudicare un sogno, la paura di fallire"

Juventus, Allegri: Ora manteniamo questa concentrazione e fame

Juventus, Allegri: Ora manteniamo questa concentrazione e fame

La soddisfazione del tecnico bianconero dopo il poker contro la Dinamo Zagabria

Ascoli - Cesena

Serie B, Ascoli-Cesena 0-0 nel recupero

La squadra di Drago sale a 6 punti, uno in più per la formazione di Aglietti

La gaffe della Fifa: 'Buon compleanno Fernando Totti'

La gaffe della Fifa: 'Buon compleanno Fernando Totti'

Dall'account Twitter arrivano le scuse ma ormai il 'danno social' è fatto