Mercoledì 14 Settembre 2016 - 17:45

Corte dei Conti convoca Morgan Stanley: danno da 4 miliardi

Chiamati a comparire anche Cannata, La Via, Siniscalco e Grilli

Corte dei Conti convoca Morgan Stanley per i derivati: danno erariale da 4 mld

La procura regionale per il Lazio della Corte dei Conti ha convocato Morgan Stanley ed ex responsabili del Tesoro che hanno stipulato contratti derivati con  la banca d'affari americana. Lo rivela 'Repubblica'. Tra i chiamati a comparire Maria Cannata, direttore del Debito pubblico, Vincenzo La Via, suo predecessore, Domenico Siniscalco, ex direttore generale del Tesoro, e Vittorio Grilli, anche lui ex direttore del Tesoro. La Corte dei Conti, secondo quanto ricostruisce il quotidiano, avrebbe chiesto loro danni per 4,1 miliardi per aver sottoscritto contratti con Morgan Stanley in perdita per tre miliardi di euro tra dicembre 2011 e gennaio 2012. La responsabilità sarebbe quella di aver concesso alla banca Usa la clausola Ate, 'Additional termination events', che consente di chiedere allo Stato italiano di rientrare, oltre una certa soglia, dalle proprie posizioni debitorie.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

L'Ocse lancia l'allarme: "Italia sempre più vecchia, agisca ora contro le disparità"

Nel nostro Paese aumentano gli over 65 e crescono le disuguaglianze

Bankitalia, stop Pd a Visco agita il Colle: "Si guardi all'interesse del Paese"

Bankitalia, stop Pd a Visco agita il Colle: "Si guardi all'interesse del Paese"

La mozione dem mette in dubbio la riconferma dell'attuale governatore a palazzo Koch

Bankitalia, approvata la mozione del Pd contro Visco: "Figura idonea per fase nuova"

Bankitalia, ok a mozione Pd contro Visco. Mattarella: "Si rispetti l'interesse del Paese"

I dem: "Serve figura idonea per una nuova fase". Il governatore disponibile ad essere audito dalla commissione d'inchiesta

Sharart, quando la sharing economy incontra l'arte

Sharart, quando la sharing economy incontra l'arte

Come circondarsi di sculture e fotografie e quadri personalizzati senza doverli necessariamente acquistare