Domenica 10 Gennaio 2016 - 12:45

Papa: Un compito a casa, andate a cercare data vostro battesimo

L'invito del Pontefice: Chiedete a genitori, nonni e padrini

Papa Francesco recita il tradizionale Angelus domenicale

"Chi di voi conosce la data del suo battesimo? Sicuramente non tutti". Lo ha detto oggi Papa Francesco in occasione dell'Angelus, rivolto ai fedeli in piazza San Pietro. "Perciò - ha proseguito il pontefice - vi invito ad andare a cercare la data, chiedendo ai vostri genitori, i vostri nonni, i vostri padrini". "E' molto importante conoscerla, è una data da festeggiare, è la data della nostra rinascita", ha spiegato Bergoglio, concludendo: "Questo compito a casa, per questa settimana, è: andare a cercare la data del mio battesimo". L'invito del Papa è stato accolto con un applauso dei fedeli riuniti in piazza San Pietro. Dopo l'Angelus, il Pontefice ha ribadito: "Non dimenticatevi il compito a casa: cercare la data del mio battesimo!". Quindi si è congedato con la sua consueta formula: "E non dimenticatevi anche di pregare per me. Buon pranzo e arrivederci".

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

A hashtag is displayed inside Amazon's Black Friday pop-up space in London

Amazon, black friday a rischio: sciopero 4mila dipendenti a Piacenza

I lavoratori chiedono un miglior trattamento economico. Braccia incrociate da venerdì mattina alla stessa ora di sabato

Funerale Totò Riina a Corleone

Facebook chiede scusa ai Riina: condoglianze rimosse per errore

Dopo la morte del boss sui social erano arrivati post che facevano riferimento al suo spessore criminale

I funerali di Noemi Durini, la sedicenne uccisa dal proprio ragazzo

Femminicidio, 'fenomeno allarmante'. Italiani tre quarti degli assassini

I dati presentati in Commissione dal ministro della Giustizia Orlando. E la maggior parte avvengono tra persone che avevano o hanno un legame affettivo

Camera dei Deputati. Voto finale sul DL Vaccini

Vaccini obbligatori, la Consulta respinge i ricorsi del Veneto: "Decreto legittimo"

Sul giudizio della Consulta pesa il calo della copertura: "Giusto, quindi, passare dalla persuasione all'obbligo"