Sabato 03 Maggio 2014 - 13:25

Papa: Tante parrocchie chiuse, bisogna aprire le porte

IMG

Città del Vaticano (Vaticano), 3 mag. (LaPresse) - "Nell'attuale contesto sociale ed ecclesiale, voi laici di Azione Cattolica siete chiamati a rinnovare la scelta missionaria, aperta agli orizzonti che lo Spirito indica alla Chiesa ed espressione di una nuova giovinezza dell'apostolato laicale. Questa scelta missionaria, tutto in chiave missionaria, questa è la scelta che fa l'Azione Cattolica. Anzitutto le parrocchie, specialmente quelle segnate da stanchezza e chiusure, che sono tante... parrocchie chiuse ce ne sono. Hanno bisogno del vostro entusiasmo apostolico, della vostra piena disponibilità e del vostro servizio creativo. Si tratta di assumere il dinamismo missionario per arrivare a tutti, privilegiando chi si sente lontano e le fasce più deboli e dimenticate della popolazione. Si tratta di aprire le porte e lasciare che Gesù possa andare fuorim si tratta di una chiesa in uscita". Sono le parole pronunciate da Papa Francesco, nell'Aula Paolo VI, incontrando l'Azione Cattolica Italiana a conclusione dei lavori della 15esima Assemblea Nazionale sul tema: 'Persone nuove in Cristo Gesù, corresponsabili della gioia di vivere'.

 

 

RIMANERE, ANDARE, GIOIRE - "Lo stile di evangelizzazione animato da forte passione per la vita della gente, è particolarmente adatto all'Azione Cattolica, - ha spiegato - formata dal laicato diocesano che vive in stretta corresponsabilità con i Pastori. In ciò vi è di aiuto la popolarità della vostra Associazione, che agli impegni intraecclesiali sa unire quello di contribuire alla trasformazione della società per orientarla al bene. Pertanto ho pensato di consegnarvi tre verbi, che possono costituire per tutti voi una traccia di cammino".

 

 

"Il primo è: rimanere, ma non rimanere chiusi eh? - ha detto Bergoglio - Vi invito a rimanere con Gesù, a godere della sua compagnia. Per essere annunciatori e testimoni di Cristo occorre rimanere anzitutto vicini a Lui. È dall'incontro con Colui che è la nostra vita e la nostra gioia, che la nostra testimonianza acquista ogni giorno nuovo significato e nuova forza. Secondo verbo: andare. Andare per le strade delle vostre città e dei vostri paesi, e annunciare che Dio è Padre e che Gesù Cristo ve lo ha fatto conoscere, e per questo la vostra vita è cambiata: si può vivere da fratelli, portando dentro una speranza che non delude. Ci sia in voi il desiderio di far correre la Parola di Dio fino ai confini, rinnovando così il vostro impegno a incontrare l'uomo dovunque si trovi, lì dove soffre e spera, lì dove ama e crede, lì dove sono i suoi sogni più profondi, le domande più vere, i desideri del suo cuore. Lì vi aspetta Gesù".

 

 

"E infine - conclude papa Francesco - gioire. Gioire ed esultare sempre nel Signore! Essere persone che cantano la vita, che cantano la fede; cantare la fede lo ha detto Sant'Agostino, non io! Persone capaci di riconoscere i propri talenti e i propri limiti, che sanno vedere nelle proprie giornate, anche in quelle più buie, i segni della presenza del Signore. Gioire perché il Signore vi ha chiamato ad essere corresponsabili della missione della sua Chiesa. Gioire perché in questo cammino non siete soli: c'è il Signore che vi accompagna, ci sono i vostri Vescovi e sacerdoti che vi sostengono, ci sono le vostre comunità parrocchiali e diocesane con cui condividere il cammino".

 

 

NON VIVERE COME STATUE DA MUSEO - "Con questi tre atteggiamenti rimanere in Gesù, andare ai confini e vivere la gioia dell'appartenenza cristiana - ha spiegato ancora il Papa - potrete portare avanti la vostra vocazione, ed eviterete la tentazione della 'quiete', che non ha niente a che fare con il rimanere in Gesù; la tentazione della chiusura e dell'intimismo; e la tentazione della serietà formale. Eviterete cioè di portare avanti una vita più simile a statue da museo che a persone chiamate da Gesù a vivere e diffondere la gioia del Vangelo".

 

 

CHIEDIAMO A DIO CUORE GRANDE - "Chiediamo al Signore, per ognuno di noi - ha concluso - occhi che sanno vedere oltre l'apparenza; orecchie che sanno ascoltare grida, sussurri e anche silenzi; mani che sanno sostenere, abbracciare, curare. Chiediamo soprattutto un cuore grande e misericordioso, che desidera il bene e la salvezza di tutti. Vi accompagni nel cammino Maria Immacolata, e anche la mia Benedizione. E vi ringrazio perché so che pregate per me!".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

L'Italia ancora nella morsa del freddo. Neve e venti forti

L'Italia ancora nella morsa del freddo: neve e venti forti

Nord nel gelo, centro-sud ed Emilia dovranno fare i conti con la neve

Milano, altro femminicidio: donna uccisa in casa

Milano, altro femminicidio: donna uccisa in casa

A trovarla è stato il marito, da chiarire il suo ruolo

Catania, arrestato il pericoloso boss Nizza

Catania, arrestato boss Nizza: era tra i 100 latitanti più pericolosi

Minniti soddisfatto: "Successo investigativo di alto livello"

Papa: Accogliamo migranti, anche noi siamo forestieri

Il Papa: Accogliamo i migranti, anche noi siamo forestieri

Francesco celebra così la giornata mondiale del Rifugiato