Mercoledì 14 Settembre 2016 - 07:30

Papa ricorda parroco Rouen: Uccidere in nome di Dio è satanico

"Tutte le religioni dovrebbero dirlo", ha detto durante messa in segno di vicinanza a familiari del parroco ucciso a luglio

Il Papa ricorda padre Hamel sgozzato a Rouen: Uccidere in nome di Dio è satanico

"Oggi ci sono cristiani torturati e sgozzati perché non rinnegano Cristo. Come padre Jacques che fa parte di questa catena di martiri". Così Papa Francesco mentre celebra una messa nella cappella di Casa Santa Marta, il pensionato dove risiede in Vaticano, in segno di vicinanza ai familiari di padre Jacques Hamel e a tutta la comunita' di Rouen, in Francia, dopo il tragico attentato terroristico del 26 luglio scorso.

"Quanto mi piacerebbe - ha aggiunto nella celebrazione il pontefice - che tutte le confessioni religiose dicessero che uccidere in nome di Dio è satanico. Padre Jacques è stato sgozzato sulla croce, mentre celebrava il sacrificio di Cristo. Era un uomo buono, mite e di fratellanza che cercava di fare la pace. Ha dato la vita per noi e per non rinnegare Gesù, dicendo 'vattene Satana'. E' un martire e i martiri sono beati, dobbiamo pregarlo perché ci dia mitezza, fratellanza, pace e anche il coraggio di dire la verità ovvero che uccidere in nome di Dio è satanico".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

L'Italia ancora nella morsa del freddo. Neve e venti forti

L'Italia ancora nella morsa del freddo: neve e venti forti

Nord nel gelo, centro-sud ed Emilia dovranno fare i conti con la neve

Milano, altro femminicidio: donna uccisa in casa

Milano, altro femminicidio: donna uccisa in casa

A trovarla è stato il marito, da chiarire il suo ruolo

Catania, arrestato il pericoloso boss Nizza

Catania, arrestato boss Nizza: era tra i 100 latitanti più pericolosi

Minniti soddisfatto: "Successo investigativo di alto livello"

Papa: Accogliamo migranti, anche noi siamo forestieri

Il Papa: Accogliamo i migranti, anche noi siamo forestieri

Francesco celebra così la giornata mondiale del Rifugiato