Venerdì 05 Febbraio 2016 - 10:00

Papà Neymar conferma: Offerta 190 milioni è del Manchester Utd

Sarebbe questo il regalo dei dirigenti inglesi per ottenere il sì di Jose Mourinho

Neymar

Ieri le prime indiscrezioni della stampa spagnola ma ora c'è anche la conferma: l'offerta di 190 milioni al Barcellona per Neymar è del Manchester Utd. Lo ha rivelato il padre dell'asso brasiliano a radio Cadena Cope. Sarebbe questo il regalo dei dirigenti inglesi per ottenere il sì di Jose Mourinho. Neymar Sr aveva parlato di questa offerta milionaria nel corso dell'audizione alla Corte di Madrid, nell'ambito dell'indagine sul trasferimento dell'attaccante dal Santos, arriva proprio dai Red Devils: 190 milioni di euro, ovvero l'importo della clausola rescissoria. Secondo i media iberici i dirigenti dello United avrebbero già contattato la società catalana e il Barça avrebbe informato l'entourage di Neymar dell'offerta. Il desiderio del brasiliano, però, è quello di restare ancora in blaugrana, nonostante le trattative per il rinnovo del contratto procedano con lentezza. Sulla stella verdeoro rimane il forte interesse di Real Madrid, Paris Saint Germain e Manchester City.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

CONI - Stati Generali dello sport italiano

Figc, Malagò: "Non sarà commissariata, ma il male è profondo"

Il presidente del Coni mette fine all'ipotesi circolata dopo le dimissioni di Tavecchio, ma non sminuisce il problema

Champions League - Sevilla vs Spartak Moscow

Shock Siviglia: tecnico Berizzo ha il cancro. Monchi: Vincerai tu

L'argentino, 48 anni, sarà sottoposto alle cure del caso dopo ulteriori accertamenti medici

(SP)ITALY-GENOVA-SERIE A-SAMPDORIA VS JUVENTUS

Juve, col Barça si deve cambiare: tattica, interpreti, atteggiamenti

I bianconeri nel match di Champions di mercoledi hanno il dovere morale di andare oltre se stessi

CONI - Stati Generali dello sport italiano

Malagò: "Potrebbe anche non esserci commissario Figc"

Il presidente del Coni mette in dubbio l'ipotesi circolata lunedì dopo le dimissioni forzate di Tavecchio