Sabato 24 Settembre 2016 - 14:30

Papa a famiglie vittime Nizza: Amore per disarmare l'odio

Bergoglio ha voluto esprimere compassione e affetto ai familiari dell'attentato del 14 luglio scorso

Papa Francesco

Papa Francesco ha voluto appellarsi alla fraternità, come unico strumento per vincere l'odio. In un clima di compassione e affetto Bergoglio ha accolto in Aula Paolo VI i familiari delle vittime dell'attentato avvenuto lo scorso 14 luglio a Nizza, in cui hanno perso la vita tanti bambini. Circa mille le persone, compreso il sindaco della città della Costa Azzurra, Christian Estrosi, e il vescovo monsignor André Marceau, sono stati invitati all'incontro con il Papa. "Desidero condividere il vostro dolore, un dolore che si fa ancora più forte quando penso ai bambini, persino a intere famiglie, la cui vita è stata strappata all'improvviso e in modo così drammatico - dice il Pontefice - A ciascuno di voi assicuro la mia compassione, la mia vicinanza e la mia preghiera".
Poi Bergoglio ha lanciato l'appello sulla necessità di un dialogo sincero e fraterno tra le persone in particolare tra quanti confessano un Dio unico e misericordioso. "Quando la tentazione di rispondere all'odio con l'odio e alla violenza con la violenza è grande,  un'autentica conversione del cuore è necessaria". Francesco ha poi concluso con una preghiera affinché "si costruisca una società giusta, pacifica e fraterna".
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Cosenza, caporalato a danno di rifugiati: pagati in base a colore pelle

Gli ospiti del centro accoglienza portati a lavorare nei campi per 10 euro in meno rispetto ai "colleghi" bianchi

Papa Francesco celebra la Santa Messa di Pasqua - Urbi et Orbi in Piazza San Pietro

Vaticano, gendarmeria allontana clochard per "decoro pubblico"

Fatti spostare dai bivacchi. Ma potranno ancora dormire nel colonnato del Bernini

Nicolina si poteva salvare. La madre aveva denunciato l'omicida

La tragedia di Ischitella. La donna aveva presentato diversi esposti, ma nulla era successo. Il ministro Orlando annuncia verifiche