Sabato 13 Febbraio 2016 - 17:00

Papa contro i Narcos: Metastasi che divora. Oggi a Ecapetec

Il Pontefice avverte i vescovi: "Non sottovalutate questa minaccia". Poi a Guadalupe prega per gli ultimi

Messico, visita di Papa Francesco

Continua il viaggio in Messico di Papa Francesco, che oggi da Città del Messico, dove ha trascorso la notte, Papa Francesco si sposterà oggi nella vicina e popolosa città di Ecatepec, dove celebrerà una messa che sarà probabilmente tra gli eventi più affollati del suo viaggio, e poi si recherà in visita in un ospedale pediatrico.
Ieri intanto, nel suo primo giorno di visita in Messico, Bergoglio ha lanciato dei messaggi chiarissimi parlando di uno dei principali problemi del Paese, il narcotraffico. Il Pontefice ha percorso 14 chilometri sulla 'Papamobile' in mezzo a due ali di folla prima di raggiungere il Palazzo Nazionale di Città del Messico (primo Papa nella storia a visitarlo, ndr) dove ad attenderlo c'era il presidente Enrique Pena Nieto insieme alla 'primera dama' Angelica Rivera. "Oggi vengo come missionario di misericordia e di pace", le sue prime parole. Bergoglio non ha mancato di lanciare un monito ai politici che lo ascoltavano. "L'esperienza ci dimostra che ogni volta che cerchiamo la via del privilegio o dei benefici per pochi a scapito del bene di tutti, presto o tardi la vita sociale si  trasforma in un terreno fertile per la corruzione, il narcotraffico, l'esclusione delle culture diverse, la violenza e persino per il traffico di persone, il sequestro e la morte, che causano sofferenza e che frenano lo sviluppo", ha detto. L'invito è stato quello di praticare una "politica autenticamente umana" per offrire a tutti i cittadini: "l'opportunità di essere degni protagonisti del loro destino, nella famiglia e in tutti gli ambiti nei quali si sviluppa la socialità umana, aiutandoli a trovare un effettivo accesso ai beni materiali e spirituali indispensabili: abitazione adeguata, lavoro degno, alimentazione, giustizia  reale, una sicurezza effettiva, un ambiente sano e pacifico".

Successivamente il Papa ha attraversato la piazza per recarsi nella Cattedrale dove ha incontrato i vescovi. Anche in questa seconda tappa Bergoglio ha lanciato un messaggio eloquente. "Siate Vescovi di sguardo limpido, di anima trasparente, di volto luminoso - ha argomentato - vigilate affinché i vostri sguardi non si coprano con le penombre della nebbia della mondanità non lasciatevi corrompere dal volgare materialismo né dalle illusioni seduttrici degli accordi sottobanco e non riponete la vostra fiducia nei 'carri e cavalli' dei faraoni attuali". Il Pontefice ha anche parlato delle popolazioni indigene dicendo ai vescovi di avere verso di loro uno "sguardo di singolare delicatezza", perché "il Messico ha bisogno delle sue radici amerinde".

Le parole più sentite sono arrivate però quando il Papa ha affrontato l'argomento della droga e dei Narcos, molto attuale in Messico. "Vi prego di non sottovalutare la sfida etica e anti-civica che il narcotraffico rappresenta per l'intera  società messicana, compresa la Chiesa - ha spiegato - Le proporzioni del fenomeno, la complessità delle sue cause, l'immensità della sua estensione come metastasi che divora, la gravità della violenza che disgrega e delle sue sconvolte connessioni, non permettono a noi, Pastori della Chiesa, di rifugiarci in condanne generiche, bensì esigono un coraggio profetico e un serio e qualificato progetto pastorale per contribuire, gradualmente, a tessere quella delicata rete umana, senza la quale tutti saremmo fin dall'inizio distrutti da tale insidiosa minaccia".

Il portavoce vaticano, padre Federico Lombardi, ha precisato che il discorso rivolto dal Papa ai vescovi messicani, e che è stato interpretato come un rimprovero, è "qualcosa di normale" che il pontefice è solito fare.
"E' sempre così in ogni paese in cui va. Non è che i vescovi messicani sono cattivi", ha scherzato Lombardi nella conferenza stampa rispondendo a chi gli chiedeva dell'intervento, considerato duro, rivolto al clero messicano. Il portavoce ha spiegato che le parole del pontefice sono state pronunciate "per invitarli a essere migliori", aggiungendo che il discorso "non deve essere visto come qualcosa di negativo."
 

nche stanotte sono stati centinaia i fedeli raccolti, tra canti e slogan, dinanzi la nunziatura apostolica di Città del Messico, dove riposava il Papa, che è uscito a sorpresa dicendo che "la Vergine è buona, alcuni dicono che non è suocera", e chiedendo loro se avevano intenzione di rimanere lì tutta la notte. "Possiamo andare avanti fino alle quattro del mattino?", ha chiesto ironico Francesco varcando a sorpresa la porta.
Scherzando sull'ora, il papa ha suggerito ai fedeli di chiedere "a Dio e alla Vergine" di aiutarli a risolvere i propri problemi e che lo facessero anche per lui. Poi ha aggiunto scherzando che "la Vergine è madre, è buona, alcuni dicono che non è una suocera". Bergoglio si è fermato a pregare per circa cinque minuti, recitando l'Ave Maria con i fedeli prima di tornare all'interno per riposare.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Delitto Del Gaudio, la nuora confessa: Ho inventato tutto

Delitto di Seriate, nuora di Gianna confessa: Ho inventato tutto

"Non è mai esistito l'uomo incappucciato. Ho mentito perché avevo paura di stare sola a casa"

Fece esplodere la casa per vendicare uno sfratto: 10 anni a una 84enne

Fece esplodere la casa per vendicare uno sfratto: 10 anni a una 84enne

La donna è detenuta a Rebibbia dal gennaio del 2015

'C'è una bomba sul bus': ubriaco denunciato per procurato allarme

'C'è una bomba sul bus': ubriaco denunciato per procurato allarme

L'uomo ha cercato di fermare un pullman con un'auto

Terremoto, 11mila verifiche sugli edifici: agibile il 72% delle scuole

Terremoto, 11mila verifiche sugli edifici: agibile il 72% delle scuole

Proseguono i controlli da parte della protezione civile